Le PAGELLE di Eintracht Francoforte-Lazio: non il solito Leiva, disastro Basta. Correa, che ingenuità!

Eintracht-Lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Eintracht Francoforte-Lazio: l’armata di Inzaghi perde 3-1 nellla trasferta d’Europa League, chiudendo in 9 uomini

Pagelle Eintracht Francoforte-Lazio / Lazio, che disfatta! La seconda gara d’Europa League dell’armata di Inzaghi si chiude sul 4-1. A pesare sul risultato, l’espulsione sul finale del primo tempo di Dusan Basta e quella di Joaquìn Correa. Ennesima brutta prestazione di Milinkovic, a cui si aggiungono i grossolani errori di Wallace e la performance decisamente sottotono di Leiva. I biancocelesti, non solo non si fanno perdonare la débacle del derby, ma peggiorano la situazione con un’altra brutta sconfitta. Ecco le pagelle di Lazio News 24:

Proto 6 – Incolpevole nei tre gol. Avrebbe potuto uscire dalla propria area di rigore qualche volta in più, ma non incide negativamente sulla partita. Al 92′ evita il poker avversario, ma il gol arriva comunque, qualche secondo più tardi.

Basta 3 – Sbaglia tutto quello che può. Si rende protagonista anche di errori clamorosi, portandosi – per esempio – il pallone fuori dal campo mentre è in possesso. Conclude una prestazione da incubo con la vistosa quanto ingenua trattenuta su Kostic, che gli vale l’espulsione. Il serbo lascia dunque i suoi in inferiorità numerica per l’intera seconda frazione di gioco.

Acerbi 5 – Il voto si abbassa dopo che il leader del reparto arretrato biancoceleste si fa sfuggire clamorosamente Haller nel gol che porta al 3-1.

Luiz Felipe 5,5 – Unico difensore a salvarsi, almeno parzialmente. Di solito è attento e puntuale in tutti gli interventi, oggi sbaglia qualcosa di troppo anche lui. Dopo l’espulsione di Basta, ricopre il ruolo di terzino. Il brasiliano, nonostante l’età, ha abituato a prestazioni di ben altro livello.

Wallace 4 – Grossolano errore nell’azione che porta il raddoppio dell’Eintracht. Va a vuoto svariate volte, perdendosi l’avversario di turno. La veloce manovra tedesca lo mette perennemente in difficoltà, incluso l’episodio che porta a tre le marcature dell’Eintracht. Tra i peggiori.

Durmisi SV – Esce dopo circa 16 minuti a causa di un brutto infortunio. Il neo-acquisto biancoceleste cade malamente, ed il braccio rimane piegato sotto il corpo. Si presume una frattura. Dal 17′ Lulic 5,5 – Non entra bene, dal suo cross sbagliato nasce l’azione del terzo gol del Francoforte.

Parolo 6 – Con uno dei suoi inserimenti da dietro, punisce Trapp siglando il pareggio della Lazio al 23′. E’ il migliore dei suoi, ci prova fino alla fine. Lottatore.

Leiva 4,5 – Nel primo tempo, perde la marcatura su Da Costa, che sigla il vantaggio avversario. Nell’azione del raddoppio, sbaglia ancora, perdendo il duello con Haller. Perde tanti contrasti. Non il solito Leiva. Dal 75′ Luis Alberto SV.

Milinkovic 4 – Colpevole nel gol di Da Costa. Con le sue capacità aeree avrebbe dovuto ‘pulire’ l’area di rigore, evitando il colpo di testa del giocatore dell’Eintracht. Gioca con la solita superbia e non appare concentrato, perdendo innumerevoli palloni. Impalpabile. Dal 63′ Berisha 6 – Entra in campo con l’intensità giusta. Vuole farsi vedere ed aiutare la squadra, ma il momento è complicato.

Correa 5,5 – Serve magistralmente Marco Parolo nel pareggio biancoceleste. E’ ingenuo nel fare un brutto quanto inutile fallo, che gli costa l’espulsione al 60′. L’argentino, che era stato uno dei più propositivi, lascia la squadra in nove. La decisione dell’arbitro è forse troppo severa, ma l’intervento del ‘Tucu’ è di pure frustrazione, avrebbe dovuto controllarsi.

Immobile 6 – Uno dei pochi a crederci fino alla fine. Nella prima parte della gara si abbassa tanto per recuperare palloni. Al 9′ risponde al vantaggio avversario con una bella conclusione, che obbliga Trapp al corner. Si fa pescare troppe volte in fuori gioco, ma mette in campo tanta grinta e voglia di non mollare. Non basta.

Articolo precedente
Apollon Limassol-LazioLa moviola di Eintracht-Lazio: assurde le decisioni di Gözübüyük
Prossimo articolo
paroloParolo: «Passivo esagerato, in 11 contro 11 avremmo potuto ribaltarla. Ora testa bassa e lavorare!»