PAGELLE di Cagliari-Lazio: Prot(o)-agonista all’esordio. Luis illumina, il Tucu incanta…

Luis Alberto
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Cagliari-Lazio, terminata con il risultato di

PROTO: Protegge il doppio vantaggio con una grande uscita su Deiola. Disinnesca bene i due tiri dalla distanza di Cigarini e Barella. Nulla può sull’incornata finale di Pavoletti. Esordio in serie A perfetto. VOTO: 7

LUIZ FELIPE: Alterna buoni interventi a pessime giocate in fase di impostazione. Nella ripresa migliora notevolmente la sua prestazione. VOTO: 6.5

ACERBI: Ha di fronte uno degli attaccanti più difficili da marcare dell’intera Serie A. Il leone ancora una volta non sbaglia un colpo. VOTO: 6.5

RADU: Mancava da più di un mese e si vede. E’ il più in difficoltà della retroguardia; Fabbri lo ammonisce per un intervento non da giallo e lo condiziona per tutta la partita. VOTO: 5.5 (DAL 74′ BASTOS: Limita bene Pavoletti in due circostanze, ma in occasione del gol è troppo superficiale. VOTO: 5.5)

MARUSIC: A tratti sembra essere tornato quello della passata stagione. Contiene bene Pellegrini e appena trova un po’ di spazio ci si butta dentro a tutta velocità. Perfetto l’assist per Luis Alberto in occasione dello 0-1. Da il là anche all’occasione del raddoppio, con un ottimo passaggio smarcante sempre per lo spagnolo, che poi imbecca Correa. VOTO: 6.5

PAROLO: Corre e rincorre come sempre per tutto il campo. E’ ovunque. Per troppa generosità si inserisce in area di rigore per cercare il gol, ma lo nega incredibilmente a Caicedo. VOTO: 6

BADELJ: Sostituire Leiva non è mai un compito facile, lui però sale in cattedra e dirige l’orchestra come un vero maestro. Recupera la palla da cui nasce il vantaggio e scarica un bolide dai 25 metri che solo la trasversa riesce a respingere. Troppo severo il giallo di Fabbri, che ne limita gli interventi per tutta la gara. VOTO: 6.5 (DAL 62′ CATALDI: Entra bene e gestisce il pallone con grande maturità. VOTO: 6)

LUIS ALBERTO: Quando è in giornata lui, la Lazio brilla. Corre e si diverte come tutta la squadra. Si mangia un gol fatto, ma dopo pochi minuti con un colpo da biliardo dal limite, manda il pallone in buca. Perfetto la palla nello spazio per lo 0-2 di Correa. VOTO: 7.5 (DALL’84’ IMMOBILE: S.V.)

LULIC: Torna lui e si vede. Solita partita diligente, senza infamia e senza lode. Nel finale arretra di qualche metro, concludendo da terzino sinistro. VOTO: 6

CORREA: E’ abbastanza ispirato oggi e lo fa vedere sin dalle prime battute. Attacca sempre dalla parte destra del Cagliari, dove i padroni di casa sono più vulnerabili. Sfonda in più occasioni, senza riuscire a trovare gloria, fino a quando Luis Alberto non lo lancia nello spazio. Il Tucu davanti a Cragno non perdona e torna a segnare in campionato dopo 10 partite. VOTO: 7

CAICEDO: La sua prestazione è sempre ampiamente sufficiente. Oggi a differenza delle ultime apparizioni, mancano gol e assist. Poteva andare in rete in avvio con un’azione costruita proprio da lui. Non segna, ma fa tanto lavoro prezioso per la squadra. VOTO: 6.5

INZAGHI: Convincere i suoi calciatori che la partita più importante fosse quella di oggi, non era facile. Ci è riuscito, anche grazie a un turnover non troppo massiccio. Giusto mix che porta alla conquista di tre punti meritati e determinanti per la rincorsa all’Europa. Ora si che si può pensare alla finale di Coppa Italia. VOTO: 6.5