Connettiti con noi

Europa League

Muriqi, è già tempo di ultima chance? Gli scenari

Pubblicato

su

Il probabile forfait di Immobile fa balzare nuovamente sotto la luce dei riflettori Vedat Muriqi. Per lui c’è già aria di ultima chance?

Lo stop di Ciro Immobile, alle prese con noie muscolari e con qualche sintomo influenzale, riapre la questione del sostituto e del vice del bomber della Lazio. Per la sfida di domani contro il Marsiglia, fondamentale per il passaggio del turno, Sarri pensa e studia le alternative. E il pensiero ovviamente e inevitabilmente va a Vedat Muriqi. Sarà il kosovaro a giocare dal 1′? Difficile, quantomeno al momento, saperlo, ma per lui sembra già tirare aria da ultima chance.

QUALCOSA NON TORNA – A molti potranno persino tornare in mente gli spettri e i fantasmi della partita di Bologna, dove il 27enne è partito titolare e dove i capitolini sono stati surclassati nel gioco, nell’atteggiamento e nel risultato. Non vi è dubbio sul fatto che tutte le responsabilità di quel pesante ko non possano certo esser scaricate sull’ex Fenerbahce. La sensazione però è sempre la stessa della scorsa stagione. Muriqi infatti continua ad apparire un vero e proprio pesce fuori d’acqua. Da Inzaghi a Sarri non c’è alcun alcuna differenza, con il classe 1994 che non riesce a inserirsi, a lasciare il segno, a dare quell’apporto che servirebbe e che ci si aspetterebbe da un vice Immobile. Visto anche l’importante esborso economico.

FUTURO – Ed è per questo che, nel caso in cui dovesse davvero giocare titolare, la partita con il Marsiglia per lui potrebbe essere l’ultima chance. Un’occasione per dare un segnale, un sussulto e un senso alla sua avventura alla Lazio. Il Velodrome per svoltare, anche perché il futuro non può che essere tremendamente in bilico. Le voci di un possibile ritorno al Fenerbahce si fanno sempre più insistenti, con  gennaio, in fondo, non è poi così lontano. Sarri attende e vuole risposte, ma forse il primo ad attenderle e a volerle è proprio lo stesso Muriqi. Il campo sarà, ancora una volta, giudice inopinabile.