Lazio, Mauri: «Ripresa? Serviranno direttive uguali per tutti»

Mauri
© foto www.imagephotoagency.it

La ripresa della Serie A fa ancora discutere per tempistiche e modalità: ecco il parere dell’ex Lazio, Stefano Mauri

Stefano Mauri, ex capitano della Lazio, è intervenuto sulle frequenze di Radiosei per dire la sua sulla ripresa del campionato: «Fondamentale prepararsi al termine della stagione. Tuttavia, credo che anche se i calciatori rientreranno in campo, non è detto che il campionato potrà riprendere. Questo vale per la Lazio e per tutte le altre squadre di Serie A e Serie B. Serviranno regole precise, e quindi non interpretabili, per affrontare al meglio ciò che sarà. Cosa succederà se all’ipotetica ripresa dei giochi qualcun altro dei calciatori si ammalerà? Prima non si sapeva come agire, adesso servono regole chiare. Le soluzioni si trovano, ma servono direttive uguali per tutti».

«Ad esempio Formello è uno dei centri per gli allenamenti più sicuri, non tutte le squadre hanno a disposizione un luogo così ben strutturato. Va studiata una situazione adatta a quelli che saranno gli impegni anche della nazionali. Non dimentichiamoci che ci sono calciatori in scadenza di contratto. Questa è una cosa da non sottovalutare. I giocatori sanno che fino al 4 maggio non si potrà fare nulla». 

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy