Marchini, sulla divisione delle curve: “Certe restrizioni stanno snervando la società”

© foto www.imagephotoagency.it

Continua a tenere banco nella Capitale, la vicenda “divisione delle curve”. Ha toccato questo punto anche l’attuale consigliere comunale di Roma, Alfio Marchini, noto tifoso giallorrosso e candidato per l’elezione a sindaco della città eterna: “Sono profondamente convinto che la Roma debba avere un suo stadio, senza se e senza ma. Ma l’opera non deve causare problemi ambientali e di trasporto. Ci deve essere un criterio che valga sia per la Roma che per la Lazio”- ha dichiarato il politico ai microfoni Rete Sport.
Poi prosegue: “Chi ci governa sta snervando la società. Dentro lo stadio Olimpico non succede nulla dalla tragedia di Paparelli e questo modus operandi delle istituzioni sta levando il senso comunitario e popolare che lo stadio dovrebbe avere. È uno dei motivi che mi ha spinto a fare politica a Roma. Lo sport e la passione della Roma devono essere vissuti come un momento di aggregazione e divertimento. Se lo stato elimina anche i giusti momenti di aggregazione c’è qualcosa che non va”.