Lazio, Inzaghi: «Pareggio meritato. Ciro, Leiva e Strakosha devono rimanere tranquilli»

© foto Mg Torino 01/11/2020 - campionato di calcio serie A / Torino-Lazio / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: Simone Inzaghi

Il tecnico Simone Inzaghi è intervenuto ai microfoni di DAZN al termine di Lazio-Juventus:

Il tecnico Simone Inzaghi è intervenuto ai microfoni di DAZN al termine di Lazio-Juventus, match terminato 1-1 con le reti di Cristiano Ronaldo e Felipe Caicedo nel recupero:

«Esultanza? Un gesto istintivo, abbiamo fatto un ciclo di partite incredibili con giocatori contati. Questi ragazzi anche oggi si sono superati, per questo l’esultanza è stata più spinta del solito. Abbiamo ampiamente meritato il pari. Ci sono state occasioni da una parte e dell’altra, la Juve sappiamo cosa rappresenta, ha tanta qualità. Abbiamo fatto una grande gara. Da allenatore mi ritengo soddisfatto delle riserve. Oggi mancavano Leiva, Immobile, Strakosha e Lulic. Ora avremo la sosta per poter lavorare nel modo migliore. I ragazzi sono stati bravissimi in questo inizio di stagione. Correa ha fatto una grande partita, poteva essere più lucido in fase di conclusione ma si è fatto sempre trovare nel posto giusto. Non mi sembrava il caso di toglierlo. Abbiamo un grande cuore, la difficoltà é nel nostro DNA. In Champions ho avuto bisogno di ragazzi del settore giovanile. Ora dobbiamo riposarci con la sosta. Caicedo è una grande persona, sbagliò un gol importante a Crotone. L’ho voluto tenere dopo il primo anno perché era ideale. Lo avrei fatto giocare dall’inizio, aveva un problemino alla spalla.
Mi metto nei panni di Immobile, Leiva, Strakosha e Lulic che hanno lavorato 4 anni per la Champions e non possono partecipare. Gli dico di stare tranquilli che arriverà il loro momento».

INZAGHI A SKY SPORT

«Caicedo sta convivendo con un problema importante alla spalla, ma ci sta dando una grande mano. Pareggio meritato contro una squadra di qualità, oggi avevo 16 giocatori, ma Luis Alberto e Lazzari li ho riavuti solo ieri. I primi venti minuti sono stati approcciati bene, poi abbiamo sbagliato una zona di pressing sul gol di Ronaldo. I cambi mi hanno aiutato, abbiamo pareggiato al 94′ ma avremmo potuto farlo prima. Mi aspettavo una Juve di qualità. Sapevamo che servivano umiltà e carattere, l’approccio era quello giusto ma il gol loro ci ha rallentato. I miei ragazzi vanno oltre gli ostacoli. Cosa migliorare? Più che migliorare mancano i ricambi, che ci aiuterebbero nelle rotazioni ed essere quindi più lucidi nelle scelte. Preoccupazione per il futuro? Sono preoccupato se penso di non avere i miei giocatori a disposizione. Io sono tranquillissimo, poi i ragazzi danno sempre il massimo. Vorrei riavere 20 elementi e non 13-14».

Le parole del mister in conferenza stampa

SORPRESA – «Sono sorpreso dalla prestazione della Lazio. Era la settima partita di fila, le rotazioni erano molto limitate. Abbiamo fatto un’ottima partita, penso che il pareggio sia meritato».

VIGILIA – «Io penso che di vigilie difficili ce ne siano state tante altre. È stata uguale alle altre di questi 20 giorni, bisognava avere in testa un piano A, B e C. I ragazzi sono riusciti a darmi tutto ciò che avevano».

DIFFICOLTA’ – «I 4 di San Pietroburgo che avevo a disposizione e i 5 di oggi ci hanno aiutato a recuperare partite difficilissime da gestire».

SACRIFICIO – «Penso che abbia fatto una grande partita di sacrificio. È uno di quelli con Milinkovic e Acerbi che non hanno mai saltato un minuto in queste partite, è stato bravissimo. È stato una spina nel fianco della Juventus».

MURIQI – «Sono soddisfatto di lui e di tutti i nuovi arrivi. Sono arrivati a 2 giorni dal campionato, non ho tempo di lavorare bene durante la sosta, si stanno allenando e cresceranno ancora».

LUIZ FELIPE – «È un giocatore che abbiamo impiegato per la partita di Torino, poi siamo andati a San Pietroburgo e non aveva recuperato. Oggi ha fatto una grande partita come Luis Alberto, Lazzari… Ho voluto metterli in campo rischiando un po’».