Lazio, Gianni Nanni: «Serve uniformità nella lettura dei tamponi»

© foto Mg Genova 17/10/2020 - campionato di calcio serie A / Sampdoria-Lazio / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: Wesley Hoedt

Lazio, Gianni Nanni, esperto di riferimento della Figc, si è espresso in merito alla situazione tamponi in Italia ed Europa.

Gianni Nanni, esperto di riferimento della Figc, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport relativamente alle differenze dei risultai dei tamponi tra Uefa e Italia. Episodi di questo genere si sono verificati sia in casa Lazio che per altri club di Serie A (l’Inter è stata la prima con il caso Hakimi).

«Un’Autorità centrale di riferimento sarebbe forse più equa per tutti, come l’antidoping. Devi stare a quello che decide, se poi c’è qualcosa che va a tuo sfavore puoi avere opportunità di difenderti. Ma in generale sai che c’è un’autorità che decide, verifica, controlla. Dobbiamo essere certi che questa autorità faccia bene le cose, i testi, i prelievi del secreto, che tutto venga letto in maniera uniforme. Penso che il laboratorio della Uefa (SynLab) utilizzi gli stessi test che si usano qui. Credo ci siano sensibilità diverse da un laboratorio all’altro. Ma non si possono sbagliare tutti i tamponi. Su uno o due possono esserci delle incertezze, ma bisogna arrivare a una soluzione definitiva».