Lazio, prima chiamata per Armini: il talento che ha stregato Raiola

lazio armini raiola
© foto instagram

Prima chiamata per Nicolò Armini, difensore classe 2001 della Lazio che milita negli Allievi Nazionali e sotto la procura di Mino Raiola

La partita più importante è quella contro il Torino: è chiaro l’obiettivo in casa Lazio. La trasferta belga contro lo Zulte Waregem sarà l’occasione per chi ha giocato meno di mettere minuti nelle gambe e di vedere qualche giovane. Nella precedente gara c’è stato l’esordio del capitano della Primavera Alessio Miceli, mentre giovedì sarà convocato un altro giovane. Secondo quanto raccolto in esclusiva dalla nostra redazione, è certa la prima convocazione di Nicolò Armini, capitano degli Allievi Nazionali e talento su cui la Lazio punta molto per il futuro. Il classe 2001 da domani sarà aggregato alla prima squadra, con cui partirà alla volta del Belgio. E’ un difensore centrale, abile ad adattarsi anche come terzino o anche sulla fascia. Dall’età di 14 anni milita nella nazionale giovanili dell’Italia, tanto da aver accumulato ben 33 presenze. Attualmente fa stabilmente parte della selezione azzurra Under 17 di cui tra l’altro è anche capitano. Le sue qualità sono subito saltate all’occhio degli esperti e hanno convinto Mino Raiola a prenderne la procura. Ad ottobre ha sottoscritto il primo contratto da professionista fino al 2020 ed oggi sogna l’esordio con i grandi, essendo uno dei sei giovani inseriti nella Lista B. Curiosità: Nicolò potrebbe stabilire un record in cui mai nessuno è riuscito prima: giocare in prima squadra senza aver fatto nessuna presenza in Primavera. La società non ha voluto farsi sfuggire un gioiellino cresciuto in casa; crede nel ragazzo tanto da volerne fare un simbolo per la Lazio del futuro. Il contratto c’è stato, ora manca l’esordio. A soli 16 anni, Armini è pronto per tingersi di biancoceleste.

PUBBLICATO IL 5/12/2017 ALLE ORE 17.00

Articolo precedente
Calciomercato Lazio, idea Donsah: la situazione
Prossimo articolo
Europa League, a Waregem in campo la “Lazio fatta in casa”