Lazio, altro che CR7! Lo spauracchio si chiama Dybala: 11 gol ai biancocelesti

© foto Torino 28/10/2020 - Champions League / Juventus-Barcellona / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: Paulo Dybala

Il gioiello della Juve, dopo un inizio di stagione faticoso, ha riposato in vista della Lazio, sua vittima preferita.

E’ subentrato nella gara Champions di Budapest nella ripresa, giusto il tempo di realizzare una doppietta al Ferencvaros e pensare alla gara dell’Olimpico. Paulo Dybala, quando vede la Lazio, si accende. I biancocelesti ispirano l’asso argentino come nessuna altra squadra. Alla Lazio in tal senso si avvicina solo il Milan, cui ha segnato la bellezza di 8 reti in gare ufficiali in carriera. La Lazio è la vittima preferita dell’ex Palermo: Dybala ha colpito le aquile con la divisa dei sicialiani nella stagione 2012/2013 e nella stagione 2014/2015, per poi sbarcare a Torino sponda bianconera e prendere ancor meglio la mira verso la porta capitolina. In Supercoppa italiana 2015/2016 la Joya segna il gol vittoria, per poi ripetersi alla quindicesima giornata del campionato. Alla trentaquattresima è addirittura doppietta. La stagione successiva all’Allianz Stadium Dybala timbra ancora nel 2-0 bianconero. In Supercoppa 2017/2018 una sua doppietta è cruciale per la rimonta da 2-0 a 2-2 prima della firma di Murgia su assist di Lukaku nel recupero. Ma Dybala continua a gonfiare la rete: al 93′ della ventisettesima giornata espugna l’Olimpico con un gol strepitoso dopo un dribbling su Parolo. Non contento, in Arabia Saudita firma il gol del momentaneo 1-1 nel dicembre scorso nella ‘Coca-Cola SuperCup‘. Anch’esso vano, come i due nella precedente Supercoppa: la Lazio vince 3-1 e all’argentino spetta soltanto la medaglia d’argento. Ma Paulo, con 11 reti alla Lazio, si capisce, rimane uno spauracchio.