Lazio, Akpa Akpro: «In Francia ho fatto anche difensore e attaccante, son qui per aiutare la squadra»

© foto www.imagephotoagency.it

Akpa Akpro si presenta alla Lazio. Il giocatore, arrivato dalla Salernitana durante il mercato estivo, ha parlato così in conferenza

Dopo Muriqi e Hoedt, continuano le presentazioni dei nuovi arrivati in casa Lazio. Oggi è il turno di Akpa Akpro e queste sono le sue parole, durante la conferenza stampa.

Introduzione di Tare – «Per me è uno dei momenti più belli, presentare Akpa. E’ significativo del calcio vero, è un ragazzo che si è meritato da solo questa maglia, gli abbiamo dato la possibilità di fare il ritiro con noi, ma il campo ha parlato per lui. Merita la considerazione e il rispetto di tutti noi».

Eri il capitano del Tolosa, sei ripartito da Salerno. Dove hai trovato la forza?
«Ho trovato la forza da solo con la mia famiglia e i miei amici, mi sono detto che il calcio è troppo bello e non potevo lasciarlo».

Avevi in mente quando eri a Salerno di poter un giorno arrivare alla Lazio?
«Sì, però quando ho fatto un anno e mezzo lì mi sono detto che non dovevo pensare ad altro, senza pressione».

Cosa ti aspetti?
«Sono venuto per aiutare squadra e società, non c’è obiettivo particolare, se non dare il massimo, poi vedremo alla fine».

In Francia hai giocato anche largo a destra…
«In Francia ho giocato attaccante, difensore centrale, ovunque, sono a disposizione».

Hai avuto timore di rimanere fuori dalla lista?
«Sì, sono felice di essere dentro».

Tre gare ufficiali, tre volte hai giocato. Te l’aspettavi?
«Così da subito no, ma sono molto felice e do tutto per la squadra e per i miei amici».

Ci racconti l’amicizia speciale con Drogba?
«L’ho visto ai Mondiali, ho parlato con lui e ha detto che ero un uomo vero perchè quando sono in campo do tutto per la squadra, ha detto che questo non devo cambiarlo, da lì siamo diventati amici». 

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy