La giocata del match, Strakosha: il suo miracolo regala nel finale la vittoria alla Lazio! – Video

la giocata del match Strakosha
© foto www.imagephotoagency.it

Il gol di Parolo, ma soprattutto la parata all’ultimo secondo di Thomas Strakosha

Una Lazio che ancora non convince, una forma fisica non ancora ottimale, tanti giocatori non al top della condizione ma la Lazio vince, ancora, dopo i tre punti arrivati contro il Frosinone arrivano altri tre punti conquistati contro l’Empoli. Una vittoria importantissima, la seconda consecutiva, che da sicuramente fiducia in vista delle tante partite ravvicinate che attendono i biancocelesti in questi venti giorni.

LA GIOCATA – Vincere aiuta e vincere e in un match come quello di oggi, complicato, contro una squadra bene organizzata come l’Empoli i giocatori della Lazio hanno fatto fatica e non poca, sopratutto nella prima frazione di gioco. Una difficoltà immensa a fare gol, esattamente il contrario di quanto accaduto nella scorsa stagione; i biancoazzurri si aggrappano all’1-0 firmato Marco Parolo. Giocatore imprescindibile in questa squadra, capace di farsi trovare al posto giusto al momento giusto, proprio quello che è accaduto oggi contro la squadra di uno degli eroi, al contrario, del 26 maggio Andreazzoli. Il gol non è bello, come non è bella questa Lazio, ma vale oro. Eppure c’è sempre questo vizio di non chiudere le partite e all’ultimo secondo l’Empoli rischia di rovinare la festa laziale. Caputo non mette la palla in rete solo grazie ad una super parata di Thomas Strakosha che ci mette il piede e blinda la porta. L’estremo difensore si supera ancora una volta, proprio come lo scorso anno quando consegno la vittoria alla Lazio parando il calcio di rigore di Dybala all’ultimo minuto. Un brivido lungo tutta la schiena, un sospiro di sollievo, la Lazio soffre, ma vince, aggrappata al gol del suo senatore Parolo e ai guantoni di Strakosha.

Articolo precedente
marusicEmpoli-Lazio 0-1, pagelle e tabellino
Prossimo articolo
caceresCaceres: «Stiamo crescendo e oggi non era facile. Pochi gol? Ne vogliamo prendere di meno…»