Keita, futuro in bilico: cessione (scontata) o rinnovo? Intanto il senegalese salta l’impegno con la Nigeria

keita baldé
© foto www.imagephotoagency.it

Il futuro di Keita Baldé non è ancora stato deciso: Lotito abbassa le pretese per una cessione, ma potrebbe tentare anche l’ultimo affondo per il rinnovo. E intanto il senegalese salta l’amichevole del Senegal contro la Nigeria

E sconto sia. Diciamo… il presidente Claudio Lotito ha deciso di abbassare le proprie pretese: da 25 milioni a 30, questa la valutazione del cartellino di Keita Baldé Diao. Un messaggio chiaro rivolto al Napoli, alle prese con le grane del rinnovo di Mertens e Insigne. Secondo il Corriere dello Sport, la Maravilla sarebbe in cima alla lista dei desideri di Maurizio Sarri, per questo motivo Aurelio De Laurentiis avrebbe bussato alle porte di Formello per proporre l’inserimento di Duvan Zapata. La dirigenza della Lazio non è tuttavia disposta a instaurare questo tipo di dialogo, pretende solo soldi, come fatto per l’operazione Candreva con l’Inter. A convincere il calciatore ci starebbe pensando il compagno di Nazionale al Senegal, Kalidou Koulibaly, anche se Keita pare orientato a volare lontano dall’Italia (Premier League e Liga in testa, ma non è da escludere la Ligue 1). La situazione è in attesa di nuove evoluzioni, non è infatti ancora chiaro il piano di Lotito: potrebbe tentare un nuovo affondo per il rinnovo a fine stagione, o anche portare con sè il calciatore fino alla scadenza del contratto. Non ci sarebbe comunque alcuna minusvalenza, visto che i capitolini nel 2011 presero l’esterno dalla cantera del Barcellona pagando un misero indennizzo di 410 mila euro.

RINNOVO – Il tecnico Simone Inzaghi, che lo ha cresciuto fin dai tempo della Primavera, spera comunque di non perderlo. Il senegalese ambisce da almeno un paio di anni al salto di categoria, trasferendosi in un top club. Il diritto sportivo internazionale gli consentirebbe a fine stagione di liberarsi in modo unilaterale attraverso l’articolo 17 della Fifa: potrebbe farlo entro due settimane dopo l’ultima giornata di campionato per andare all’estero, ma il procuratore Roberto Calenda ha sempre escluso questa possibilità. L’allenatore della Lazio resta alla finestra, ha sempre difeso il suo gioiello dalle qualità indiscutibili, vorrebbe continuare a usufruire delle sue prestazioni per sperare di costruire una squadra in grado di lottare per la Champions.

NAZIONALE – Epilogo curioso quello capitato al Senegal: problemi di visto hanno bloccato in Francia tanti giocatori del ct Cissè, che non sono riusciti a raggiungere l’Inghilterra per disputare l’amichevole contro la Nigeria (giocata ieri sera e terminata 1-1). Come appreso su wiwsport.com, fra questi c’erano anche Keita e Babacar della Fiorentina, che aspetteranno la squadra a Parigi per l’amichevole di lunedì con la Costa D’Avorio, organizzata proprio nella capitale transalpina.