Juventus, Allegri: «Caceres è stato fortemente voluto. Domani? Sarà un match complicato»

juventus allegri
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di mister Allegri in vista della gara di domani contro la Lazio

Poco più di ventiquattro ore separano Lazio e Juventus dalla sfida dell’Olimpico. Un match importante per entrambe: per la squadra di Inzaghi sarà una chance per rialzarsi dopo la caduta di Napoli per quella di Allegri per dare continuità. Il mister dei bianconeri è intervenuto nella consueta conferenza stampa. Ecco le sue parole:

CACERES – «È fortemente voluto. Benatia ha chiesto di andare via, ha fatto una scelta diversa dalle nostre intenzioni e la società l’ha accontentato. Insieme alla società abbiamo valutato i profili che potevamo portare qui alla Juventus e abbiamo avuto la fortuna che Caceres ha accettato e io sono molto contento. Martin conosce l’ambiente, è affidabile e va a completare un reparto già forte. Poi tra tre o quattro settimane avremo Barzagli e quindi siamo a posto. Ha inciso che è un giocatore che conosco e secondo me può dare tanto alla Juventus. Poi gli altri profili portarli qui a quattro mesi dalla fine della stagione tra imparare la lingua, vedere in che condizioni sono, passava troppo tempo. Martin è già pronto. Caceres è un giocatore che, già quando è andato via dalla Juve, ho detto che valeva Barzagli, Chiellini e Bonucci. Può giocare a due nei due centrali, anzi credo faccia meglio quello che l’esterno ora. Poi è un positivo e avere ragazzi positivi in squadra è sempre molto importante e mi rende felice».

LAZIO – «Sempre una partita complicata. La Lazio  cercherà di battere per la prima volta una grande, speriamo non ci riesca domani. Io 15 giocatori li ho, rientra Cnacelo a disposizione, Mandzukic rientra col Parma, forse anche Khedira, Pjanic da lunedì si riallena con la squadra. La Lazio è fisica, tecnica, come la Juve ha segnato tanto su palla inattiva e soprattutto in casa tira tanto in porta. Domani vorrà riscattare la sconfitta di Napoli, noi invece domani dobbiamo dare continuità, è importante per questo. Alla vittoria dello scudetto mancano ancora tante vittorie e ogni vittoria è un passo in più. Poi giocare a Roma all’Olimpico è sempre bello quindi bisogna fare una bella partita da tutti i punti di vista».

Articolo precedente
Delio RossiTanti auguri a Delio Rossi che oggi spegne 59 candeline!
Prossimo articolo
AcerbiAcerbi si racconta: «Solo dopo il tumore ho scoperto davvero chi sono, mentre prima…»