Connettiti con noi

Nazionali

Italia, il pagellone dei quotidiani sportivi: i voti di Immobile ed Acerbi

Pubblicato

su

Euro 2020, il pagellone dell’Italia dei principali quotidiani sportivi: ecco i voti di Immobile ed Acerbi

Mancini ha riportato l’Italia sul tetto d’Europa. E in quest’avventura fantastica ha potuto contare anche sull’apporto di due giocatori della Lazio: Acerbi e Immobile. Entrambi sono stati protagonisti, contribuendo al raggiungimento del trofeo con gol ed assist: di seguito, i voti dei quotidini sportivi.

La Gazzetta dello Sport

IMMOBILE, 6.5: «Nessuno gli rimprovera nulla perchè ha sempre dato tutto. Se siamo campioni è anche per i suoi 2 gol e il suo sudore. Ma quando il c.t. ti toglie per un falso 9 nel momento in cui più serve il gol, fa male e fa dubitare dell’azzurro che verrà. A 31 anni».

ACERBI , 6.5: «Ha recitato da Materazzi 2006, il vice Nesta. Ha retto bene il ruolo di Chiellini per tre partite, trovando pure il modo di servire un assist a Pessinasdraiato a terra. La solita affidabile garanzia. Ottima intesa con Bonucci. Da vero Chiello…».

Il Corriere dello Sport

IMMOBILE, 7: «La partenza lanciata, due gol e un assist con Turchia e Svizzera, non è bastata per evitare l’involuzione e chiudere l’Europeo in discesa con quattro sostituzioni consecutive nella fase a eliminazione diretta. Ciro va premiato pe rla generosità e la capacità di mettersi al servizio dell’Italia: non godeva del gioco ideale e dei rifornimenti giusti per esprimersi, si è aggiunta la tensione emotiva pe rle critiche sopportate. Ha risposto con prsonalità e umiltà, lottando e sgobbando sul campo, meritando la stima dello spogliatoio. C’è anche la sua firma sull’Europeo cominciato alla grande a Roma, nel suo stadio».

ACERBI, 8: «Leone di Wembley perchè protagonista forse nella partita più complicata dell’intero Europeo con l’Austria. Prova da applausi in marcatura su Arnautovic e il raid offensivo, con l’assist furbissimo da terra per Pessina, nei supplementari. Acerbi ha firmato così una mattonella decisiva nel percorso verso la finale. Tre presenze. La primasubentrando dopo venti minuti a Chiellini infortunato con la Svizzera. La seconda prendendo il posto di Bonucci con il Galles. Gode della stima di Mancini e c’è da giurarci arriverà sino al Mondiale in Qatar».

Advertisement