Inzaghi: «Saremo la squadra che giocherà di più in Italia. Immobile? E’ ancora da valutare…»

Inzaghi
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio domani scenderà in campo all’Olimpico contro l’Udinese nel recupero della 12° giornata di andata del campionato rinviata per maltempo

Dopo la vittoria di domenica contro il Chievo la Lazio sarà impegnata domani all’Olimpico contro l’Udinese di Massimo Oddo per il recupero del match rinviato per maltempo il 5 novembre. Il mister Simone Inzaghi è intervenuto nella consueta conferenza stampa pre gara.

La Lazio dopo domenica è stata elogiata da tutti…

«I ragazzi meritano gli elogi ma dobbiamo rimanere umili, uniti come squadra senza dimenticarci da dove siamo partiti due anni fa. Avevamo poca gente allo stadio, ambiente slegato, è stato un momento difficile, ma ripeto ora dobbiamo rimanere umili»

Il terzo posto in solitaria è un traguardo o solo un obiettivo raggiunto?

«La gara di domani sarà importantissima, avrei preferito giocarla in un altro momento perchè era un’altra settimana in cui avremmo potuto lavorare bene però all’epoca non si potè giocare la partita e quindi ora bisogna recuperare. Incontriamo una squadra che nelle ultime nove partite ne ha vinte cinque e pareggiate due e le uniche due che ha perso le ha perse con il Napoli»

Che formazione scenderà in campo domani?

«Ho ancora l’allenamento di oggi pomeriggio e domani mattina per valutare, quelli che non hanno giocato domenica si sono allenati molto bene come Caicedo che è rientrato ieri in gruppo e Nani. Felipe nonostante il Chievo si è allenato anche ieri mattina, domani sceglierò la formazione migliore fermo restando che ci sono molte partite ravvicinate, mi prendo ancora 24 ore per decidere»

Questione diffide?

«Più che per le diffide cercherò di far si di non perdere tutti i giocatori in diffida come Milinkovic e Lulic. Mi preoccupa più il ciclo di partite da affrontare ma adesso l’unico pensiero è l’Udinese. Devo cercare di capire i giocatori che hanno recuperato meglio»

Luis Alberto partirà titolare?

«Vedremo, Luis Alberto domenica ha giocato novanta minuti. In allenamento ieri non ha avuto alcun problema, vedremo anche con lui il da farsi anche se con Caicedo abbiamo un’arma in più»

Sulla corsa Champions…

«La Roma è una squadra molto attrezzata come l’Inter che ha solo una gara a settimana, noi rispetto a loro abbiamo più partite perchè abbiamo le Coppe e la semifinale di Coppa Italia. La Lazio sarà la squadra più impegnata insieme al Milan ma almeno loro non hanno il recupero di domani, saremo la squadra che giocherà di più in Italia in questo mese e mezzo»

Su Immobile e Caceres…

«Immobile aveva oggi l’esame e con esattezza ancora non posso dire nulla, speriamo non sia un infortunio grave e che possa tornare al più presto. La scorsa settimana Caseres si è allenato bene potrebbe giocare lui domani o domenica contro il Milan»

Cosa manca per competere con Juventus e Napoli?

«Dobbiamo essere intelligenti e capire qual è il nostro compito e i nostro obiettivi a inizio stagione. Le aspettative si sono alzate e dovremo cercare di rimanere umili, di capire il momento sapendo che giocheremo più di tutti in Italia, non avremo la tranquillità di tante altre squadre»

Sul match di domani…

«L’Udinese è una squadra con giocatori di quantità e qualità, è una squadra fisica che sta facendo molto bene e dovremo affrontare con molto rispetto. Dovremo fare una gara giusta ma giocheremo in casa davanti al nostro pubblico che speriamo ci sostenga anche domani e speriamo di centrare la vittoria»

Come schiererà la squadra domani senza Immobile?

«Ciro è il nostro centravanti ma terremo le stesse caratteristiche della  squadra come domenica con Felipe o in Europa con Caicedo e Nani cercando di fare la partita»

Chi sarà il rigorista vista l’assenza di Immobile?, Caicedo potrà giocare dall’inizio?

«I rigoristi vedremo in base a chi giocherà ma ho molta scelta tra Luis Alberto, Nani, Milinkovic o lo stesso Lulic. Caicedo ieri ha fatto un buon allenamento, vediamo oggi ma probabilmente è prematuro pensare di farlo giocare dal primo minuto»

Su Felipe Anderson e Nani…

«Sono due giocatori di grandissima qualità, al di la di Felipe avevo parlato anche di Nani nelle scorse settimane e avevo detto che erano quattro o  cinque settimane dall’infortunio che si allenava e voleva in ogni partitella dimostarmi che avrebbe meritato più spazio. Il ragazzo è di grandissimo spessore, un esempio per i giovani, sicuramente sarà un’arma in più sperando che Immobile ritorni al più presto perchè ho bisogno di tutti a rotazione».