Immobile cuore d’oro: realizza il sogno del piccolo Samuele! – FOTO

la giocata del match
© foto www.imagephotoagency.it

Prima di Lazio-Crotone Samuele ha potuto accompagnare in campo il suo idolo Ciro Immobile

Oltre la partita, oltre il risultato, al di la dell’avversario che ti trovi davanti, oltre le polemiche, gli arbitraggi e tutto quello che ruota attorno al mondo del pallone. Eppure il calcio è qualcosa che da sempre va oltre lo sport: lo dimostrano i ragazzi della Curva che il 24 dicembre sono andati ad Amatrice a donare a persone che hanno perso tutto, lo dimostrano i chilometri dei tifosi per sostenere la propria squadra, il sorriso dei bambini quando vedono il loro idolo oppure realizzano un loro sogno. Questo è quello che è successo a Samuele nella calda giornata di sabato allo Stadio Olimpico in occasione di Lazio – Crotone. Samuele è un bambino che ha realizzato il suo sogno: quello di entrare in campo accanto al suo idolo Ciro Immobile. Per la prima volta un bambino con la sedia a rotelle ha potuto accompagnare un giocatore in campo prima dell’inizio del match. Un gesto bellissimo sottolineato anche dalla mamma del piccolo tramite un post su Instagram«Tutti, sono pronti a puntare il dito e dire cattiverie verso un giocatore se sbaglia un goal o se gioca male. Ma, nessuno vede quando fa un gesto importante e straordinario. Per la prima volta in campionato è entrato un bambino in sedia a rotelle..e tutto questo è stato grazie a Ciro immobile. Che ha fatto tutto per farlo entrare in campo e non era semplice. No alle barriere architettoniche e ieri è stato proprio così. Grazie di aver realizzato il suo sogno fin da piccolo». Bellissime parole alle quali l’attaccante ha voluto rispondere a sua volta: «Sì certo, tutto qui. Piccole cose. Ma sono loro, e non le grandi, che fanno la vita. Grazie a te piccolo grande ometto».

 

Articolo precedente
Rocchi lazio-interInter-Lazio, arbitra Rocchi: bilancio equilibrato. Giacomelli invece…
Prossimo articolo
Lazio fiorentina coppa italiaLa Lazio gioca a carte a Santo Stefano e cala l’asso di coppe