Connettiti con noi

Champions League

Hoedt: «Mancata un po’ di lucidità, ma meritiamo solo applausi!»

Pubblicato

su

Wesley Hoedt ha parlato ai microfoni di Sky Sport e a Lazio Style Channel a fine match

Wesley Hoedt ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del pareggio col Club Brugge.

«Abbiamo fatto molto bene, abbiamo fatto tre gare senza rosa, c’era una delle dieci squadre più forti al mondo cioè il Dortmund, abbiamo meritato di passare il turno e lo abbiamo fatto da imbattuti. Rivincita per me? Devo ringraziare il mister e la società che mi hanno dato fiducia, avevo solo una cosa da fare, dimostrare tanto in campo. Ho sentito le critiche, ma io dovevo rispondere col lavoro e sul campo. Ora abbiamo più di 11 titolari, dobbiamo tutti lavorare duro. Io oggi per esempio avevo un giallo e sono uscito all’intervallo, è entrato Radu e ha fatto bene. E’ una Lazio più forte di quella in cui giocavo, il mister sta facendo un grandissimo lavoro. Ci manca solo l’ultimo passo».

Poi il difensore classe 1994 ha parlato anche a Lazio Style Channel

«Il Brugge è squadra forte, ma abbiamo strameritato di passare il turno. Abbiamo iniziato bene, hanno fatto 1-1 ma abbiamo fatto gol, dopo il loro rosso dovevamo cancellare la partita fatta prima, è mancata lucidità perchè normalmente sei più forte del Club Brugge in dieci. Chi mi piacerebbe affrontare? E’ la prima volta in 20 anni che passiamo il turno, abbiamo scritto la storia, il mister e i giocatori che meritano gli applausi. Ora pensiamo al campionato, poi vedremo il sorteggio. Non sono più un ragazzino, ho tanta strada da fare, ora dobbiamo tutti quanti migliorare ogni giorno».

Advertisement