Coronavirus, Corapi: «Importante che i calciatori tengano la carica emotiva»

© foto www.imagephotoagency.it

Coronavirus, il mental coach della Lazio, Corapi, ha dato qualche idea per superare questo momento di quarantena

Per superare l’epidemia coronavirus, in questi giorni è fondamentale restare a casa. Non dovrebbe essere un compito molto difficile, e pure, c’è qualcuno che proprio non ci riesce. A tal proposito, è intervenuto a Radio Sei il mental coach della Lazio, Sandro Corapi, che ha dato qualche consiglio su come superare al meglio questa quarantena. Ecco le sue parole:

«Ci sono due aspetti, uno riguarda l’atleta e l’altro la persona normale. L’atleta non deve perdere la carica emotiva e mentale facendo alcune cose, per esempio tenendo su la forma fisica perché mente e corpo sono collegati. Loro hanno bisogno di sudare e tenere su la motivazione. Questo, chiaramente, implica un grande lavoro per i preparatori atletici e gli staff di una società. Per una persona comune invece questo è un momento per sfruttare al meglio i rapporti con la famiglia e goderne al massimo. Visto che siamo in una condizione anomale e surreale, come italiani dobbiamo tirare fuori il meglio di noi stessi. Siamo uno dei popoli più creativi, sfruttiamo questo momento per fare cose che altrimenti non avremmo mai potuto fare. Riflettiamo su noi stessi, su quello che facciamo e creiamo delle strategie per il dopo. Il primo obiettivo è sconfiggere il virus rimanendo a casa, ma allo stesso tempo dobbiamo essere contenti di vivere questa condizione con i nostri affetti. Diamo valore alle piccole cose, è un momento magico per rinsaldare questi valori».

Corapi, infine, ha voluto dare anche qualche suggerimento ai calciatori:

«Ci sono tre fasi: la prima ha visto il Coronavirus come qualcosa di superficiale perché era solo in Cina; la seconda è iniziata con la paura nella testa dei calciatori di sospendere il campionato; la terza è scattata con l’emergenza nazionale quando la paura ha riguardato la salute di se stessi e dei propri cari. Ora siamo nella quarta fase, non sappiamo se il campionato riprenderà o meno. Io sto dando dei consigli ai miei atleti perché si possono fare degli esercizi per mantenere il tono muscolare, che è fondamentale per uno sportivo. E poi bisogna tenere viva la parte emotiva, per esempio giocando alla Playstation. Si creano dei gruppi e si genera lo spirito di competizione che per un giocatore è importante. Questo vale per tutte le attività che generano la sana competizione e che fanno passare il tempo. Non bisogna lasciarsi andare restando nella propria area di comfort. Quale migliore occasione questa per coltivare un hobby o leggere un libro? Stimoliamo i neuroni, tutto dipende dalla volontà. Questo vale anche per i calciatori: la determinazione può superare il talento».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy