Delio Rossi: «Firmai il rinnovo in bianco, volevo vendicare la sconfitta nel derby!»

Delio rossi
© foto www.imagephotoagency.it

Delio Rossi ha ripercorso alcuni episodi della sua avventura alla Lazio, per poi esprimersi sulla squadra attuale

Delio Rossi, ospite lunedì sera a Lazialità in Tv, storica trasmissione condotta da Guido De Angelis, ha ripercorso alcuni episodi della sua avventura in biancoceleste: «Rimasi alla Lazio per vendicare la sconfitta nel derby. Nel 2005/6 perdemmo il derby di ritorno in casa 2-0 e ricordo che c’era Totti a bordo campo con le stampelle perché era infortunato e poi i giocatori giallorossi che a fine gara fecero il giro di campo per festeggiare la loro undicesima vittoria di fila. A fine stagione andai da Lotito e gli dissi che avrei firmato il rinnovo di contratto in bianco perché avevo una questione in sospeso. L’anno successivo vincemmo 3-0 e mi tuffai nella fontana del Gianicolo!». 

SPAL«Nessuno meglio di Inzaghi può sapere come stanno i giocatori e dietro ad ogni scelta c’è una logica, ma purtroppo accade spesso che qualsiasi cosa fai sbagli: se fai giocare i nazionali e vanno male, hai sbagliato, se non li fai giocare e perdi, hai sbagliato comunque. Non è questione di modulo, ma di interpretazione. L’unico appunto che mi sento di fare al mister è la tempistica dei cambi. Va bene il primo ma gli altri due insieme a mezz’ora dalla fine hanno costretto Lulic, che era a corto di fiato, a restare in campo fino alla fine. Caldo? C’era per entrambe le quadre e sul fatto che c’erano cinque trentenni in campo non vuol dire nulla», riporta Leggo.