Ciani risponde a Kakà, 1-1 a San Siro

© foto www.imagephotoagency.it

Da pochi minuti si sono concluse tutte le gare di Serie A delle ore venti e quarantacinque. Allo stadio Giuseppe Meazza – San Siro di Milano si sono scontrati per la giornata numero dieci del campionato di Serie A il Milan e la Lazio in quella che in molti avevano ribattezzato la sfida tra le deluse di inizio stagione. Vi proponiamo di seguito la sintesi dell’incontro, buona lettura.

PRIMO TEMPO – E’ il Milan a tenere in mano il pallino del gioco nei primi quarantacinque minuti, la Lazio gioca benissimo in difesa ma non fa un tiro pericoloso verso la porta di Gabriel. I rossoneri riescono a rendersi attivi in avanti ma impensieriscono Marchetti solo con conclusioni dalla distanza: Birsa, Balotelli e Montolivo fanno a turno a tirare dai venti metri e in tutte le circostanze MArchetti ci mette una pezza. E’ Kakà però ad avere l’occasione più limpida con un’incursione tra Radu e Ciani conclusa poi con un tiro che ha fatto la barba al palo. Milan impreciso, Lazio granitica dietro ma invisibile davanti, è zero a zero nel primo tempo.

SECONDO TEMPO – La ripresa è più equilibrata anche se si apre con il gol di Kakà, una vera e propria perla del brasiliano che parte da sinistra e poi si accentra calciando sotto l’incrocio con un gran destro. Il gol paradossalmente sveglia la LAzio che trova molto spazio con le ripartenze e, mentre la difesa tiene bene a bada, Balotelli, Ciani fa anche il goleador e trova la prima gemma in Serie A: Candreva corssa in area, Zapata lascia il francese da solo e Gabirel è battuto dal colpo di testa dell’ex Bordeaux. Dopo quella la Lazio ha anche un’altra clamorosa occasione in contropiede per segnare ma Klose vuol strafare e di punta da buona posizione trova solo le mani di Gabriel. Finisce così uno a uno, Lazio migliore nella ripresa grazie all’inserimento di Onazi. 

Articolo precedente
Cana a fine primo tempo: “Bene in difesa, sfruttiamo meglio le ripartenze”
Prossimo articolo
LE PAGELLE di Milan-Lazio: Ledesma-Hernanes da incubo, Onazi determinante