La cena di Natale della Lazio a ‘Spazio 900’ – FOTO

© foto www.imagephotoagency.it

AGGIORNAMENTO ORE 23.20Subito dopo è il momento anche dell’altro aquilotto, Alessandro Murgia: «È stata una bella serata, la aspettavamo da tempo. Unisce tutti quanti, con personaggi come Danilo è anche più bella. Siamo contenti. Ho voluto un po’ osare con le scarpe per differenziarmi da Danilo. Mi ha appoggiato anche Immobile, ndr, la mia è una scarpa importante (ride, ndr). Scherzi a parte, eravamo tutti all’altezza di questa società. La cena è andata perfettamente, c’era grande serenità. Il mio 2016 è inatteso, davvero molto bello. Io però guardo avanti, spero di migliorare e avere un anno nuovo ancora più bello. Sono entusiasta. Come squadra guardiamo partita dopo partita per salire ancora più di livello. Ce la metteremo tutta. Tanti Auguri di buone feste, buon anno nuovo e sempre forza Lazio!». 

AGGIORNAMENTO ORE 23:24 – Ai microfoni di Lazio Style Radio è intervenuto anche Danilo Cataldi: «Abbiamo fatto un tavolo giovanile, bellissima serata che fa bene. Abbiamo visto un bel video, ascoltato le parole del presidente che fortificano l’ambiente. E’ un buon momento, abbiamo superato lo scivolone del derby e non era facile. Dobbiamo finire l’anno nel migliore dei modi, ma possiamo farcela. Fiorentina? Ottima squadra, arriverà molto carica. In trasferta gioca meglio, noi però ci faremo trovare pronti. 2016? E’ stato un anno positivo, metto in primis il momento della Lazio. Non è stato facile per nessuno ripartire bene. A livello personale andare in Nazionale è stata una grande soddisfazione. Cosa mi aspetto dal 2017? Ottenere qualcosa di importante con il club, vincendo un trofeo, o qualificandoci in Europa». Un saluto ai tifosi della Lazio: «Grande abbraccio e spero di vedere il clima di domenica scorsa all’Olimpico, per sperare di ottenere qualcosa di grande. Forza Lazio! ».


AGGIORNAMENTO DELLE ORE 23.00 –
Il patron Lotito chiude la serata con un discorso commovente: «Insieme si vince, uniti si vince. Noi abbiamo ottenuto la vittoria di aver riportato la gente allo stadio, merito della squadra che mostra in partita un’atteggiamento volitivo, ma anche di grande umiltà. I tifosi sono orgogliosi della propria squadra del cuore, lo sento dai colleghi e dalle istituzioni che i fanno i complmienti, vedono in noi qualcosa di diverso. L’unione fa la forza e se tutti remano dalla stessa parte, ci potremo togliere grandi soddisfazioni. Certi risultati sono stati raggiunti col cuore, all’insegna dei valori che appartengono da sempre a questa società. Le immagini che abbiamo visto sono rimste nel cuore di ognuno di noi e ci hanno resi diversi dagli altri. Quello che ci contraddistingue è l’empatia, l’attaccamento alla maglia, la voglia di essere laziali, di raggiungere fino allo stremo delle proprie forze l’obiettivo. La Lazio è l’unica squadra che ha dato un contributo di sangue, parliamo di qualcosa che ci fu tolto. La nostra società ha da sempre subito delle angherie, come se dovesse espiare qualche colpa. I laziali hanno sempre l’umiltà di fare. In questa serata vogliamo ritrovare lo spirito di quelle battaglie eroiche, combattute sul campo e in Guerra Mondiale. Per dire ai nostri tifosi ‘Noi ci siamo’! Se le persone si battono per gli ideali, alla fine vincono. Sono orgoglioso che grazie a voi nel derby, senza compromessi o atteggiamenti di sudditanza, il popolo è stato presente allo stadio, sostenendo la squadra fino alla fine senza alcun tipo di problema. Con lo spirito di sacrificio si raggiunge la voglia della gente di aderire un progetto, noi siamo una realtà sociale. Lo dimostriamo con le iniziative o andando negli ospedali. Grazie a tutti, Buon Natale e spero che il gruppo mantenga questo profilo vincente. Se rimarrà questo spirito umile e motivato, ci toglieremo grandi soddisfazioni. Dobbiamo regalare alle persone meno fortunate, la possibilità di pensare a un futuro migliore». 

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 22.35 – Dopo il video storico prende la parola mister Inzaghi: «Sono stati momenti bellissimi. Ho avuto la fortuna di crescere qui come giocatore, ora come allenatore. Vorrei vivere le stesse emozioni con la gente presente qui. Conosco quello che vuol dire, vivendo l’ambiente romano ormai da 17 anni. Abbiamo attraversato un momento difficile per il derby perso, ne ho persi diversi da calciatore, e allora abbiamo fatto fatica a rialzarci. I ragazzi invece a Genova hanno fatto un grande prestazione. Ringrazio tutti dallo staff, alla squadra che quest’estate hanno accettato la sfida. Sapevo che loro mi avrebbero aiutato molto, sono contento di quello che abbiamo ottenuto. Sappiamo però che il difficile verrà adesso, ma sono fiducioso perchè siamo un gruppo meraviglioso. C’è sempre qualcuno che gioca meno, fa parte del gioco, ma ho fiducia in ogni calciatore. Speriamo siano buone feste per tutti».

AGGIORNAMENTO ORE 21.55 – Prima di dare inizio alla cena il team manager Manzini ha preso in mano un microfono e ha fatto un discorso a cuore aperto: «Sono passati tanti anni però l’emozione di ritrovarmi di fronte a tutta questa gente è sempre quella del primo giorno. Quest’anno lo sto sentendo moltissimo: vorrei ringraziare tutti quanti, da dentro sento questa grandissima passione che vedo nei campi d’allenamento, in palestra, negli uffici, sulle scrivanie. Spero che la Lazio e i suoi tifosi possano togliersi grandi soddisfazioni e tornino presto dove meritano di stare. Mi permetto di parlare a nome del gruppo facendo i migliori auguri di buon natale e di un felice 2017 sperando di ottenere tutti i successi possibili». Fra poco sarà mostrato anche un video sui (quasi) 117 anni di storia biancoceleste. Poi i trecento invitati canteranno insieme l’inno «Vola Lazio Vola».

 

AGGIORNAMENTO ORE 21.03 – Eccolo finalmente, è arrivato il presidente Lotito. Preceduto qualche minuto da Keita. In attesa di ascoltare i commenti degli altri protagonisti della serata, ecco cosa prevede il menù della cena a «Spazio 900». All’entrata i calciatori sono stati accolti con un aperitivo. Due invece i primi piatti: risotto mantecato con porcini, Castelmagno e tartufo nero di Norcia e paccheri alla amatriciana con lardo di Colonnata e scaglie di pecorino romano. Per secondo sarà servita la faraona farcita con mandorle tostate in salsa di arancia. Come contorno patate al forno con pomodorini e olive taggiasche. Come vini, la scelta è fra Falanghina e Aglianico. Il dolce segue la tradizione natalizia: pandoro artigianale su letto di crema inglese, mousse alla nocciola e scaglie di torrone fondente. A chiudere ovviamente il caffè.

 

MENU

 

 

AGGIORNAMENTO ORE 20:53 – Arrivano anche le parole di Peruzzi: «C’è tanta gente, il presidente ci teneva tantissimo. Bilancio dei miei mesi in biancoceleste? Stiamo facendo benino, i cavalli si vedono all’arrivo. Non bisogna mollare, a maggio si vedrà cosa abbiamo fatto. Vincere contro la Samp è stato un segnale positivo. Ci sta purtroppo perdere il derby, anche se era una partita importante per l’ambiente. Dobbiamo far bene le ultime due partite dell’anno solare contro Fiorentina e Inter. L’entusiasmo ci ha dato la marcia in più, essendo una squadra giovane, ma i bilanci a metà contano poco».
E’ tempo di cenare, prima di scappare non manca un messaggio ai tifosi: «Buon Natale e buon Anno a tutti». 

AGGIORNAMENTO ORE 20:48 – Alle parole di Stefan de Vrij seguono quelle di Ciro Immobile: «Siamo felici perchè c’è una belle atmosfera, bravi noi a renderla così. Siamo orgogliosi di quello che stiamo facendo e vogliamo continuare. I miei primi mesi? Positivi, eravamo sotto le critiche ma ora abbiamo fatto ricredere tutti. E non ci vogliamo fermare qui. Manca il gol? Nel calcio di oggi l’attaccante è giudicato per i gol, ma io faccio quello che chiede il mister. Se ci riesco è quella la mia soddisfazione. Fiorentina? Squadra organizzata e forte. Hanno cambiato poco rispetto allo scorso anno, si conoscono e hanno un bravo mister. Vogliamo riscattare l’ultima sconfitta casalinga per i nostri tifosi. Contro la Samp è stato un buon banco di prova, siamo riusciti a battere una squadra in forma».
Poi un paragone con Belotti: «Gli altri possono dire quanto valgo, sono contento per lui anche se spero non segni contro la Lazio».
Infine un messaggio per i sostenitori biancocelesti: «So quanto sono vicini alla squadra. Ciao a tutti i tifosi della Lazio e buon Natale».

AGGIORNAMENTO ORE 20:45 – Arrivano insieme i due spagnoli Patric e Luis Alberto.

AGGIORNAMENTO ORE 20:38 – Arrivano le prime dichiarazione dei protagonisti. Alla radio ufficiale è intervenuto Stefan de Vrij: «Mi sento bene e sono contento di esser tornato. Sono contento per la vittoria di sabato. Importante vincere su un campo difficile, contro avversari forti. Abbiamo preparato bene la partita e abbiamo fatto in campo quello che il mister chiedeva. I risultati arrivano e torna la serenità, te ne accorgi da serate come questa. Sono contento di passare del tempo coi compagni e staff. Giudizio sul 2016? La seconda parte è stata positiva, speriamo che il 2017 ci porti a migliorare. Mancano ancora Fiorentina e Inter. Pensiamo prima alla Viola, poi ai neroazzurri. Voglio ancora bene a Pioli ma per quella sera sarà un rivale. L’importante che al termine del match sia io a ridere e non lui. Forza Lazio!»  

AGGIORNAMENTO ORE 20:25 – Arrivano in successione anche Arturo Diaconale, Djordjevic, mister Inzaghi, Biglia, Immobile, Murgia e Cataldi, tutti accompagnati dalle loro donne. In seguito ecco anche Felipe Anderson e Peruzzi.

AGGIORNAMENTO ORE 19:55 – Ecco che man mano arrivano tutti. Spuntano Basta, Parolo e de Vrij, poi Prce e Milinkovic-Savic. Successivamente il ds Tare e il capo ufficio stampa De Martino entrano nel locale dalla porta posteriore. Si vede il vice Farris, si attende il presidente Lotito. Infine anche il segretario generale Calveri e Marchetti.

 

 

 

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 19.45 – Si iniziano a intravedere i protagonisti. Il primo ad arrivare è Stefan Radu in compagnia della moglie. A intrattenere la serata ci sarà il comico Nino Taranto.

 

 

 

 

La cena natalizia si avvicina e in casa Lazio le tradizioni non si interrompono. Questa sera a ‘Spazio 900‘ (situato all’Eur), locale presso il quale si incontrerà per festeggiare la squadra biancoceleste, le tensioni del campionato saranno lasciate da parte e si brinderà al Natale e al Nuovo Anno. L’occasione potrà essere però anche utile per discutere qualche rinnovo di contratto: appare in primis la situazione dell’allenatore, Simone Inzaghi, il cui buon cammino realizzato fin qui in campionato gli potrebbe valere il raddoppio dello stipendio. Il presidente Claudio Lotito prepara dunque un regalo anticipato per il «suo» mister.