Cassano: «Lazio meritava il 6-0, e senza lockdown…Vi spiego perché Inzaghi è un fenomeno»

© foto Db Milano 06/10/2019 - campionato di calcio serie A / Inter-Juventus / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Antonio Cassano

Nel corso dell’appuntamento con la “Bobo TV”, Antonio Cassano ha parlato con gli amici Nicola Ventola, Daniele Adani e Bobo Vieri. Ecco le sue parole al miele per la Lazio

Nel corso dell’appuntamento con la “Bobo TV”, Antonio Cassano ha parlato con gli amici Nicola Ventola, Daniele Adani e Bobo Vieri. Ecco le sue parole al miele sulla Lazio e sul condottiero Simone Inzaghi.

«La Lazio nel derby avrebbe potuto fare 6 gol, li avrebbe meritati. L’allenatore della Lazio nella gestione è un fenomeno, mi piace tanto come allenatore e persona. Andrà ad allenare in futuro un top club a livello mondiale perché lo merita. Quello che mi piace della Lazio è la varietà del gioco: gioca come vuole, può giocare tecnicamente con Luis Alberto e Milinkovic tra le linee, può giocare di fisico buttando la palla sul serbo o su Caicedo, può ripartire sulle fasce con due velocisti come Lazzari e Marusic, ha tanti modi diversi per mettere in difficoltà l’avversario. Ti portano nel campo dove loro vogliono per poi farti scoprire e farti male, hanno tante alternative di gioco. Vanno a mille all’ora, Immobile si muove in profondità come nessuno in Italia, in difesa non saranno fenomeni ma sono compatti. Hanno preso Reina per cambiare ancora di più l’idea che Simone ha messo in questi anni: Strakosha spesso lanciava la palla su Milinkovic, ora parte l’azione da Reina e giocano a calcio, palla rasoterra di 50 metri, come Ter Stegen del Barcellona. Impressionante, poche altre squadre in Italia possono fare un gioco di qualità, profondità, sacrificio, spirito di squadra. Se il campionato fosse finito senza lockdown la vedevo dura per le altre squadre».