Calisti: «Non avevo dubbi sulla difficoltà della partita contro la Samp»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Calisti: «Non avevo dubbi sulla difficoltà della partita contro la Samp»

Pubblicato

su

Calisti: «Non avevo dubbi sulla difficoltà della partita contro la Samp». Le parole dell’ex giocatore capitolino

Ai microfoni di New Sound Leve l’ex giocatore della Lazio, Ernesto Calisti, ha commentato la partita contro la Samp, la prossima sfida contro il Napoli, e ha fatto delle riflessioni su alcuni giocatori. Le sue parole:

PAROLE– «Non avevo dubbi sulla difficoltà della partita contro la Samp. Alcuni dei nostri non erano al top, ma i fischi per Milinkovic sono stati una vergogna. Sergej è stato male, è giustificato. Anche Immobile ha sbagliato davanti alla porta e non è una cosa da lui, ma che fai? Fischi anche ad Immobile? Siamo fuori dal mondo. Può succedere che un periodo si faccia fatica. Milinkovic è un professionista serissimo, non ha mai detto una parola, si è sempre comportato bene, poteva andare a giocare in grandi squadre ma è rimasto sempre alla Lazio lavorando. La Lazio ha 13 titolari di qualità. Se durante l’annata o la partita non sono al top entrano altri che non sono alla loro altezza e si fa fatica. Abbiamo una rosa corta a livello di qualità. Devi essere bravo anche con le “piccole”, questo campionato è complicato. Pellegrini non è al meglio. Ci vorrà del tempo. Penso che a fine anno giocando poco o niente ti chiedano quei 15 milioni per riscattarlo e diventa un giocatore per accontentare qualcuno. Io avrei preso Parisi, perchè Pellegrini ha qualità ma viene da qualche infortunio di troppo, ha giocato pochissimo in Germania. Se con noi gioca poco e chiedono tanto per il riscatto sappiamo come va a finire. Carnesecchi un peccato mortale non averlo preso. Lì penso ci sia stato un discorso economico, non di infortunio. La Lazio non l’avrebbe preso comunque. Valeri mi piace, l’avrei preso. Bisognerà vedere il prezzo di riscatto di Pellegrini, 12 milioni per uno che ha giocato così poco sono troppi. Ha potenzialità, si può sfruttare, ma si deve andare su gente pronta. Bisognerebbe prendere meno stranieri e far giocare più italiani. Giocherei da Lazio contro il Napoli. Bisogna fare la partita, esprimere la propria identità. Se ti abbassi tanto poi fai fatica a ripartire. Coppia di difesa? Secondo me Sarri preferisca Patric a Gila per il palleggio. Gila è più bravo di Patric nell’uomo contro uomo, ma il mister preferisce Patric per giocare la palla da dietro. Non avere Casale è una grande perdita»

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.