Lazio, Ballotta: «Non ho mai visto Lotito un attimo tranquillo»

ballotta
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex portiere della Lazio ha raccontato del suo rapporto, tra alti e bassi, con il patron biancoceleste Claudio Lotito

Marco Ballotta per anni ha difeso la porta della Lazio e quindi per molto tempo è stato a contatto con l’estroso presidente Lotito.

A Gazzetta.it ha raccontato com’è il patron laziale: «Non l’ho mai visto un attimo tranquillo, sempre a litigare con qualcuno. Giusto quando veniva a Formello, capitava che si rilassava e si addormentava sul divano, in ritiro. Nella puntualità difettava un po’. Ero a Milano, mi chiamano, c’era lui con due telefoni. Mercoledì vado a Roma, alle 17 sto là. Alle 18.30 sono uscito e sono tornato a casa. Mi chiama alle 20, mi chiede dove stavo. Gli rispondo: “Presidente, io sono a Bologna. Ci dovevamo vedere alle 17, sono le 20, mi sembra poco serio. Quindi arrivederci e grazie”. Lui mi dice: “Come ti permetti, torna domani”. Tornai domani, però alle 17 mi chiamò e mi disse che sarebbe arrivato im ritardo. Ce l’ha di prassi di far aspettare. Non ce la fa, è più forte di lui. È in guerra da 16 anni, la polemica è all’ordine del giorno. Però devo dire, e gliene devo dare atto, ha risanato la società, riesce a valorizzare i giocatori e ad ottenere i risultati in campo. Aveva un’idea in testa, ci ha creduto e adesso si stanno vedendo i risultati. Ha questo tipo di carattere, è sempre in battaglia, ce l’ha con il mondo. È un suo modo, è la sua persona che è fatta così».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy