Anselmi (ex Radiosei): «Se giochi con Patric non puoi desiderare la Champions…» – ESCLUSIVA

© foto www.imagephotoagency.it

ESCLUSIVA LN24 – E’ intervenuto ai nostri microfoni Marco Anselmi, ex conduttore presso Radiosei

Dopo la straripante vittoria nel derby, domenica la Lazio è stata protagonista di un deludente pareggio contro la Fiorentina. Per parlare del momento dei biancocelesti è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Lazionews24.com Marco Anselmi, ex conduttore presso Radiosei. Ecco ciò che ha detto.

Con la Fiorentina sono stati buttati al vento tre punti importantissimi per la ‘corsa Champions’. La squadra capitolina costruisce tanto e concretizza davvero poco…

«Con la Fiorentina la Lazio doveva assolutamente portare a casa i tre punti, ma alla fine è arrivato un deludente pareggio. Se i biancocelesti avessero segnato due/tre reti nel primo tempo non avrebbero certamente rubato nulla, ma nella ripresa i capitolini sono sembrati veramente stanchi. Per la Champions League ora la situazione è veramente complicata anche se c’è la gara con l’Udinese da recuperare».

Correa è l’esempio vivente del problema in fase di finalizzazione. L’argentino imperversa, come sempre, nell’area avversaria con dribbling impressionanti senza però riuscire ad andare in rete. Basti pensare che l’ultimo gol in campionato dell’ex Siviglia risale al pareggio con il Milan di novembre…

«Correa è un giocatore fondamentale per la Lazio, è l’unico nella rosa biancoceleste in grado di creare superiorità numerica. Talvolta non riesce ad essere concreto sotto porta, ma l’argentino è questo tipo di giocatore. Se riuscisse a migliorare la propria vena realizzativa allora sì che raggiungerebbe la maturazione».

Patric è stata una piacevole sorpresa della sfida giocata al Franchi. Lo spagnolo potrebbe rivelarsi davvero importante in questo finale di stagione…

«Lo spagnolo ha giocato una buonissima partita in termini di sostanza, ma io preferisco altri a lui. A me Patric personalmente non fa impazzire, una squadra che intende arrivare ad alti livelli non può permettersi di giocare con il classe ’93 titolare», conclude così Anselmi.