Connettiti con noi

News

Udinese, Fofana e Lasagna per tornare ad un successo interno che manca da gennaio

Pubblicato

su

L’Udinese di Gotti si avvicina ad un confronto delicatissimo in chiave salvezza. Sei punti sul Lecce terzultimo in graduatoria, i test con Lazio e Napoli saranno decisivi per i friulani.

Le preziose vittorie esterne con Roma e Spal avevano illuso un po’ tutti, mister compreso. Gotti si appresta ad affrontare la Lazio dopo il bruciante k.o. casalingo con la Sampdoria di Ranieri e la sua Udinese ha tremendo bisogno di punti. Se infatti il cammino dei bianconeri lontano dal Friuli è stato in linea con le aspettative, alla Dacia Arena il segno “1” manca da gennaio, e la Lazio spera di non dover essere la vittima perfetta nel momento più difficile della stagione biancoceleste.

I dubbi di formazione riguardano principalmente la difesa. Davanti al portiere Musso ci saranno Troost-Ekong, uno tra Becao e Nuytinck, e Samir, mentre sulle fasce a sinistra Zeegelaar darà il cambio a Sema, con Larsen a destra. Con Mandragora che ha finito la stagione, toccheranno a Jajalo gli straordinari, con Walace che dovrebbe accomodarsi in panchina. Al centro riecco dal 1′ Fofana, subentrato nella ripresa con il Doria, con De Paul trascinatore e mezzala moderna che sarà il protagonista di un duello magico con Luis Alberto. In avanti Nestorovski dovrebbe lasciare il posto ad Okaka, confermatissimo invece Kevin Lasagna, vero e proprio spauracchio: l’ex Carpi è tornato in forma straripante dalla sosta e sta segnando praticamente sempre. Toccherà ad Acerbi e compagni invertire il trend che li vuole subire ormai due reti a partita dal dopo-Covid.

 

 

Advertisement