Connettiti con noi

Campionato

Sarri: «Do un voto alto a questa gara e la dedico ai tifosi! Luis Alberto…»

Pubblicato

su

Maurizio Sarri, tecnico della Lazio, ha parlato nel post partita del match contro l’Empoli: le sue dichiarazioni

Maurizio Sarri, tecnico della Lazio, ha parlato nel post partita del match contro l’Empoli. Le sue dichiarazioni a Sky Sport:

GARA – «In questomomento siamo in piena costruzione,abbiamo trovato una squadra difficile da affronare, abbiamo fatto bene per 65′ poi siamo calati. Giocare a queste temperature è una parodia del calcio. Non era affatto scontato vincere qui e portare a casa i tre punti. Se vogliamo continuare a fare risultato, dobbiamo fare qualcosa in più. All’Empoli devo tantissimo, sarò sempre legato all’ambiente».

NAPOLI E LAZIO – «Paragoni tra Napoli e Lazio? Dal punto di vista tecnico ci sono poche similitudini dal punto di vista morale si. Il Napoli era più pronto per le mie dediche».

MERCATO – «Il mercato mi sta sulle scatole? Mi annoia quando voi giornalisti parlate o fate domande solo sul calcio mercato, quando si parla anche di altro mi state più simpatici».

Sarri ai microfoni Dazn

RICORDI – «Per me è emozionante venire qui a Empoli Sono legato a questa squadra e sono consapevole di dover tanto. Qua si fa calcio in maniera straordinaria».

MOVIMENTO – «Al di là dell’Europeo non penso le Nazionali rappresentino un movimento. Comunque è un paio d’anni che si prova a fare calcio e devo dire che mi dispiace che sia andato via un allenatore come De Zerbi».

PICCOLI PASSI – «Stasera si è visto qualcosa di buono siamo usciti molte volte con palla al piede come piace a me. Va ricordato però che questa squadra viene da anni con un percorso diverso, quindi è normale che la percentuale di quel tipo di gioco  sia ancora bassa».

LEIVA – «Nella fase di impostazione ha sempre l’uomo addosso. Nella fase di interdizione deve fare attenzione a non favorire inserimenti tra le linee. Nella fase difensiva ha fatto qualche errore specie all’inizio, poi comunque è cresciuto».

IMPEGNO – «Noi in allenamento cominciamo anche a fare le cose abbastanza bene o comunque in base a quelle che sono le mie richieste. Invece è prevedibile che in partita vengano fuori altre abitudini, ma io sono fiducioso, perché i ragazzi si stanno impegnando».

SINGOLI – «Milinkovic è un ragazzo solare e quindi è facile avere un feeling con lui. Luis Alberto è un po’ indietro per degli acciacchi, ma il mio primo pensiero sul 3-1 è stato quello di inserirlo. Pedro? Ha fatto molto bene. Ha questa brillantezza, unita a tecnica e a capacità tattica, che lo rendono un gran giocatore».

Il mister a Lazio Style Channel

GARA – «Faccio gli auguri all’Empoli per un campionato di alto livello, questo campo non sarà una passeggiata per nessuno, sono una squadra brillante e sono contento di aver fatto tre punti».

LAZIO – «La squadra è estremamente disponibile, io avevo paura dei primi venti minuti perchè loro frizzanti e brillanti, sapevamo di dover soffrire nella parte iniziale. Iniziano a venir fuori le idee in allenamento, abbiamo fatto cinque o sei uscite da dietro di altro livello, devono diventare venticinque o ventisei. Andare sotto nel primo tempo può essere difficile, ma siamo stati bravi a reagire. L’abbiamo gestita col pallone, poi è finita la benzina per troppi giocatori, ma siamo rimasti lucidi».

PEDRO – «Pedro è un ragazzo con esperienza enorme, di grande tecnica e brillantezza fisica. Può dare uqalcosa in tutti i sensi, Lazzari sta vrescendo nell’interpretazione del ruolo, può diventare un ottimo quarto, si sta sforzando ed ha molti margini di miglioramento. In progressione è devastante per natura».

GIOCO EMPOLI – «Gli spazi interni oggi erano estremanente chiusi e lo sviluppo deve andare per forza per vie esterne, però la nostar idea è quella di sviluppare anche per vie centrali».

Il mister in conferenza stampa

«Do un voto molto alto a questa prima partita. Sono momenti difficili per tutti. Tante squadre hanno cambiato allenatore e modo di giocare, credo che molte avranno problemi. A queste temperature è difficile giocare, fa tanto caldo. Ormai siamo come la lega inglese e tedesca, giochiamo con gli stessi calendari e non capisco perché. La nostra è una squadra in costruzione e abbiamo trovato davanti una squadra ostica che ci ha messo in difficoltà, proprio perché è una neopromossa e ha giocato sul suo campo.

Il voto è alto perché siamo andati sotto dopo tre minuti e l’abbiamo rimessa in piedi e poi ribaltata. Luis Alberto è un po’ indietro e presto lo riavremo in piena forma. Ho scelto di inserirlo nel 1-3 perché mi serviva il palleggio e volevo gestire la gara con lui. Lazzari ha fatto una grande gara e sta imparando a fare il quarto. Questo è uno step importante nella sua carriera. Sta progredendo e migliorerà. Milinkovic ha fatto una grande partita mentre Pedro è stato brillante anche se con pochi allenamenti sulle gambe.

L’aspetto migliore della gara è stato quello di andare sotto e rimetterla in piedi subito dopo un minuto. Mi è piaciuto meno il fatto di provare a gestire il risultato nell’ultima mezzora quando io preferisco continuare a giocare, ma a certe temperature è difficile. Dedico la vittoria ai tifosi e li ringrazio per averci sostenuto e aiutato nel momento più difficile del match. Hanno risposto presenti con numero e partecipazione».