Connettiti con noi

Campionato

Lulic: «Sconfitta che brucia tanto, noi l’unico pericolo per noi stessi»

Pubblicato

su

Lulic è intervenuto al termine di Bologna-Lazio. Ecco le parole del giocatore sulle frequenze della radio ufficiale

La Lazio si lascia dominare dal Bologna. Mbaye e Sansone regalano i tre punti al Bologna, allungando il periodo non positivo della squadra biancoceleste. A Lazio Style Radio, l’analisi di Lulic:

GARA«Questa sconfitta ci brucia tanto, perchè veniamo già da un’altra sconfitta. Volevamo fare un passo in avanti, perchè abbiamo fatto la partita e creato tanto. Gli episodi cambiano il risultato, oggi è stato il rigore sbagliato. Speriamo di fare meglio in futuro e uscire dal campo vincitori». 

REAZIONE«Partendo da dietro e uscendo con la palla stavamo facendo bene, ci serve più lucidità per mandare il compagno in porta. Abbiamo comunque creato, ma se avessimo giocato altri 90 minuti non avremmo mai segnato».

PROSSIMI IMPEGNI«Non abbiamo tempo per pensare, dobbiamo guardare avanti e dimentichiamo quello che abbiamo fatto adesso. Solo insieme ne usciamo e torniamo sulla giusta strada».

RIENTRO«Fisicamente sto bene, ormai mi alleno da tempo, sto bene e sto migliorando. Cerco di aiutare la squadra nel migliore dei modi».

TORINO«Pericoli? Noi stessi siamo un pericolo per noi. Dobbiamo tornare quelli che eravamo, dipende tutto da noi».

Senad Lulic ha poi continuato ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue parole:

PREOCCUPAZIONE – «Non so se alcuni non hanno digerito la sconfitta contro il Bayern. Se l’anno prossimo vogliamo tornare in Champions partite come queste non vanno perse. Siamo un po’ preoccupati dopo due sconfitte in pochi giorni. Dobbiamo analizzare cosa è andato male, e lavorare sui nostri errori. Nelle prossime settimane verranno tante partite e dimostreremo che non siamo quelli visti stasera».

VETERANI E NUOVI ACQUISTI – «Il rapporto tra noi senatori e i nuovi è ottimo. Pereira è un giocatore forte, ma forse deve ancora ambientarsi. Quest’anno ha giocato poco, ma ci sono tante partite in cui può fare bene. Difficile giocare quando hai davanti calciatori come Milinkovic e Luis Alberto, ma anche loro rifiateranno».

 

Advertisement