Rivivi la diretta – Inzaghi: «Col Palermo dovremo tenere alta la guardia. Formazione? Ho diversi dubbi…»

© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico biancoceleste, Simone Inzaghi, interverrà in conferenza stampa alla vigilia di Palermo-Lazio, domani, sabato 26 novembre alle ore 14:15, presso la sala stampa del Centro Sportivo di Formello.

 

SEGUI LA DIRETTA SU LAZIONEWS24.COM

 

Il pericolo più grande è la Lazio stessa…
“Ci sono tante incognite. C’è questa, l’incognita dell’orario. Ci siamo allenati apposta a quell’ora. Dovremo tenere alta la guardia, troveremo un avversario battagliero. Ci siamo preparati, abbiamo lavorato bene, non voglio cali di tensione”.

 

Lavori sugli stessi interpeti…
“Le ultime 2-3 partite hanno avuto tanta continuità gli stessi. Ora si sta svuotando l’infermeria, purtroppo non avrò di nuovo Marchetti e de Vrik e Kishna e Luis Alberto non hanno recuperato. Però voglio ugualmente far bene”.

 

Appello ai tifosi per il derby?
“Ciò che posso dire è che le ultime due partite in casa con Sassuolo e Genoa non ci siamo sentiti soli, ci siamo sentiti incitati dai tifosi. Domenica è stato stupendo, forse la migliore da quando alleno all’Olimpico. C’era una bellissima atmosfera. Ci hanno aiutato anche a Napoli con l’accoglienza alla stazione, succederà anche oggi credo. Dispiace non averli a Palermo, l’anno scorso si fecero sentire. Ora hanno il divieto e ci dispiace, ma a Fiumicino ci daranno il nostro appoggio”.

 

Difesa a 3 o a 4?
“Abbiamo provato entrambe le soluzioni per poter cambiare a partita in corso se vi fosse l’evenienza. Aldilà del modulo ci vuole l’interpretazione: ci vogliono approccio e cattiveria giusti. Altrimenti si potrebbe andare incontro a una partita difficile”.

 

Derby?
“E’ nei miei pensieri da quando ero ad Auronzo. So cosa vale per i tifosi. Questa settimana giocava la Roma ma io ho guardato Napoli-Palermo, pensiamo al derby dopo la partita di domani, per ora testa solo ai rosanero che sono una squadra agguerrita e ferita”.

 

Chi può dare più fastidio alla Juventus?
“La squadra che mi ha impressionato maggiormente è il Napoli. Ha cambi in panchina, un allenatore valido. Dico loro…”

 

Temi che qualcuno stia già pensando al derby? La diffida di Anderson?
“C’è questo rischio ma nello stesso tempo non ci deve essere. Magari anche io pensando di non rischiarlo avrei dato un segnale che non esiste. Domani c’è il Palermo, un avversario scomodo. Ho dei dubbi perché chi non dovrebbe giocare stamane mi ha dimostrato di star bene. Ho ancora tutta stasera per pensarci, deciderò con la giusta calma. Ho dei dubbi perché ho la fortuna di averceli”

 

In cosa può ancora migliorare la Lazio?
“Abbiamo margini, siamo giovani e abbiamo anche gente che deve rientrare. Domenica abbiamo preso un goal che potevamo non concedere. Poi ci sono anche gli avversari, si cerca di limitarli. Quel goal andava evitato”.

 

Aggredirete il Palermo?
“Dovremo essere aggressivi perché loro lo sono. Hanno organizzazione, pressano tutti quanti. Hanno concetti giusti”

 

Bastos?
“Sta bene, scalpita per tornare dall’inizio. Però deve sapere che ha dei compagni che stanno facendo ugualmente ieri”

 

Nestorovski?
“E’ un buon giocatore, ha sempre fatto goal. Anche se li fanno in Serie B hanno grosse probabilità di farli in Serie A. Si è inserito bene nel campionato italiano, è bravo a gestire il pallone e a dare i tempi d’uscita giusti al Palermo. Ne abbiamo parlato coi centrali, cercheremo di limitarlo”.

Articolo precedente
felipe-anderson-messi-ciesFormello – Inzaghi conferma modulo e interpreti: a Palermo col 4-3-3
Prossimo articolo
De Zerbi: «Non so se sarà la mia ultima gara. Lazio molto forte in attacco»