Le PAGELLE di Steaua Bucarest-Lazio: ancora conferme da Luiz Felipe, Murgia e Milinkovic sbagliano tanto. Male Caicedo

caicedo lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Steaua Bucarest-Lazio 1-0, match valido per i sedicesimi di finale di Europa League

La trasferta in terra romena è un impegno da non sottovalutare. La Steaua nella sfida di stasera presso l’Arena Națională di Bucarest è stata, come ci si aspettava, tutt’altro che semplice da battere. Simone Inzaghi doveva cercare di abbandonare i fantasmi di Napoli al passato e pensare a questo obiettivo europeo, ma non c’è riuscito. Ora si attende il ritorno all’Olimpico. Ecco le pagelle del match:

STRAKOSHA 6: Nella prima frazione sbaglia qualche rinvio di troppo, ma non può nulla sul gol di Gnohèrè. Al 52′ smanaccia sulla punizione pericolosa di Budescu.

BASTOS 5,5: Qualche errore come di consueto lo commette, ma la prestazione non è del tutto negativa.

LUIZ FELIPE 7: Il migliore della retroguardia biancoceleste, senza dubbio. Ottime chiusure, senso della posizione e recuperi. Una bella novità di questa stagione.

CACERES 5,5: Partita attenta, diverse chiusure interessanti ed anticipi di buona fattura. L’uruguaiano è un giocatore con alle spalle un ottimo palmarès. Un arrivo più che discreto. Incredibile quello che succede all’84’, non reisce a mettere la sfera in rete per centimetri. Sfortunato.

BASTA 5,5: Si propone ottimamente in avanti e tatticamente non fa degli errori gravi fino al gol del vantaggio romeno, quando tiene in gioco il centravanti francese Gnohèrè. Nella ripresa si spegne pian piano.

MURGIA 5: Gioca con personalità, cosa che ormai da lui non è certamente una novità. E’ molto spesso nel vivo del gioco, anche se commette errori davvero banali, anche dal punto di vista tecnico. Una partita non del tutto sufficiente la sua.

LUCAS LEIVA 6: Le solite geometrie e come al solito, si fa notare per la sua maestria nel recuperare i palloni. Uno dei migliori dei biancocelesti nella prima frazione. Sbaglia numerosi passaggi non da lui nel secondo tempo e cala vistosamente.

MILINKOVIC-SAVIC 5: Uno dei più pericolosi dei suoi. All’inizio del match prende un giallo molto discutibile ma si propone molto spesso in avanti ed al 44′ prende la traversa su calcio d’angolo battuto da Nani. Sbaglia inoltre numerosi passaggi. Nella serata di Bucarest il suo sfidante per giocate d’alta scuola è senza ombra di dubbio Budescu, ed il duello è proprio vinto dal numero 11 romeno. Non una serata al top.

LUKAKU 5,5: Le sue galoppate ormai sono diventate famose. Quando parte è difficile se non impossibile fermarlo, ma anche lui deve fare assolutamente di più. Cala nettamente nella ripresa

NANI 5: Un principio di partita molto passivo, culminato con il controllo sbagliato su una palla in mezzo al campo che arriva a Budescu, autore dell’assist per il vantaggio firmato da Gnohèrè. Da uno con la sua carriera ci si aspetta molto di più. (55′ FELIPE ANDERSON 6,5: Al 60′ è autore di un’azione in solitaria ma a tu per tu con Vlad calcia in maniera pessima. Entra decisamente con il piglio giusto, ma non cambia il match).

CAICEDO 4,5: E’ molto mobile nella sua parte di campo, su alcune occasioni trova Vlad a sbarrargli la strada. Al 28′ ha la colpa di sbagliare il retropassaggio che innescherà l’azione del gol romeno. (55′ IMMOBILE 5,5: Entra ma di certo il suo ingresso non cambia le sorti della partita. Da sottolineare il suo nervosismo al termine del match).

ALL. INZAGHI 5,5: Un’altra sconfitta. La sua brillante Lazio è ormai un lontano ricordo, bisogna assolutamente ripartire. E Simone Inzaghi sa come farlo.

Articolo precedente
LazioLa moviola di Steaua Bucarest-Lazio: Aytekin, troppi cartellini!
Prossimo articolo
EurorivaliEuropa League – Male le italiane, si salva solo il Milan