Le PAGELLE di Napoli-Lazio: si salvano solo Acerbi e Immobile, male la fase difensiva

© foto As Roma 02/02/2020 - campionato di calcio serie A / Lazio-Spal / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: esultanza gol Ciro Immobile

Male la difesa e il centrocampo, Lazzari sottotono. Si salva un super Immobile, che eguaglia Higuain.

STRAKOSHA – Troppo avanti sul gol di Fabian Ruiz, spiazzato da Insigne sul calcio di rigore, non ha colpe clamorose ma continua a convincere davvero poco anche coi piedi. VOTO 5

PATRIC – Regista difensivo, quando imposta non delude, da centrale in marcatura è insufficiente e si perde sempre l’uomo. Esce al 60’ per Bastos. VOTO 5 (BASTOS – Tra i meno negativi nell’ultima mezz’ora, vince qualche contrasto ma naufraga con tutta la difesa – VOTO 5,5).

LUIZ FELIPE RAMOS – Per farlo giocare centrale viene nuovamente dirottato Acerbi a sinistra. Ruvido e applicato, diverse buone chiusure nella ripresa, ma soffre tanto con tutto il reparto e compie sempre interventi rischiosi, deviando l’ennesimo tiro che si tramuta in rete. Con i piedi sbaglia tanto e nel finale rischia di combinare qualche pasticcio. VOTO 5

ACERBI – Richiama la difesa a forza di urla, leader in qualunque posizione della retroguardia. L’unica garanzia in un reparto che questa sera balla. VOTO 6 (dal 55’ VAVRO – Callejon lo brucia e spedisce di poco sul fondo, fuori posizione sul gol di Politano. Poco aiutato dal centrocampo che non fa filtro – VOTO 5)

LAZZARI – Moto perpetuo, raramente punta l’uomo e riesce a saltarlo, commette un brutto errore ad inizio ripresa. Pochissimi palloni puliti spediti al centro dell’area avversaria. Perde troppe volte la sfera nella ripresa. VOTO 5 (dall’83 LUKAKU – Entra e si fa soffiare ingenuamente due palloni. Non può far parte della rosa del prossimo anno – VOTO 5)

MILINKOVIC – Meno brillante e concentrato del solito, la sua punizione a cinque dal novantesimo è emblematica di una partita disputata sotto ai suoi standard. Nel finale saltano i nervi e prende un giallo. Partita molto negativa. VOTO 5

PAROLO – Lento e prevedibile, causa in avvio di ripresa il calcio di rigore per i padroni di casa. Alla undicesima di fila da titolare, fatica inevitabilmente. VOTO 5

LUIS ALBERTO – Prova a illuminare, ha una qualità diversa da tutti gli altri. Purtroppo il Napoli gli chiude tutti i varchi e trovare la profondità questa sera è difficilissimo. VOTO 5,5

MARUSIC – Per la prima volta in stagione viene schierato sulla corsia sinistra, ottimo l’assist per Immobile in occasione del gol, poi una buona diagonale di testa su Callejon. Nella ripresa sfiora il gol di testa, ma quando è spostato a destra non si vede più. VOTO 6

CORREA – Qualche buona giocata, bella la serpentina con annesso palo al 55’. Quando prende il pallone e punta l’uomo non lo fermano se non con le cattive, vedasi Koulibaly costretto al giallo, però lo fa poche volte e deve crescere in personalità. VOTO 6 (dall’88’ ADEKANYE NG)

IMMOBILE – 36 gol come Higuain, altro gol da rapace d’area di rigore, diciassettesima rete fuori casa in stagione. Ha colpito 16 pali nelle ultime due stagioni, di gol ne avrebbe meritati diversi in più per la grande generosità. Ha frantumato tutti i record. VOTO 7

INZAGHI – 203 panchine in A con la Lazio, supera Dino Zoff. La Lazio difensivamente barcolla a Napoli e non riesce ad arrivare oltre il quarto posto. VOTO 5,5