Le pagelle di Inter-Lazio: Immobile, che partita! Strakosha super. Milinkovic-Caicedo, che disastro!

grigioni
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Inter-Lazio 3-4 dcr, match valido per i quarti di finale di Coppa Italia

Questa sera è andata in scena la sfida tra l’Inter di Luciano Spalletti e la Lazio di mister Inzaghi. Ecco le pagelle dei biancocelesti.

STRAKOSHA 7: Al 36′ tocca il primo pallone con un pericoloso retropassaggio che il portiere albanese intercetta tranquillamente. Al 61′ sbaglia una respinta che favorisce poi Candreva, ma l’ex Lazio sbaglia clamorosamente. Al 93′ si supera su Politano. Decisivo ancora una volta sui calci di rigore!!!

WALLACE 6: Una partita di certo non eccelsa, fortunatamente ha al suo fianco un difensore come Acerbi, e questo conta molto. Al 67′ scelleratamente è protagonista di un fallo da dietro ai danni di Miranda rimediando il giallo. (69′ BASTOS 5,5: Non entra benissimo in partita, lo dimostrano i numerosi richiami da parte di Inzaghi).

ACERBI 6,5: Contro la Juventus la difesa capitolina è riuscita a sopperire – in parte – alla sua assenza, ma con l’ex Sassuolo in campo i propri compagni hanno un altro tipo di fiducia.

RADU 6: Partita abbastanza attenta, a volte è anche troppo aggressivo.

MARUSIC 6: Si fa vedere smarcato molto spesso sulla fascia di sua competenza, ma viene servito poco dai propri compagni di squadra. E’ autore di numerose giocate di livello.

MILINKOVIC-SAVIC 4,5: Qualche giocata di classe, ma al 33′ sbaglia un colpo di testa con cui poteva fare sicuramente molto meglio. Una partita non all’altezza delle sue capacità. Causa con molta ingenuità il rigore del pareggio nerazzurro.

LUCAS LEIVA 6,5: La solita sicurezza in mezzo al campo, come in ogni match il brasiliano dà tutto se stesso.

LUIS ALBERTO 6: Al 28′ ha un’occasione importantissima su assist di Correa, ma sciupa tutto con una conclusione centrale. Al 51′ prova a piazzare un gran destro ma Handanovic è attento. A volte sembra di vedere il Luis Alberto dei tempi migliori, invece in altri casi il n.°10 spagnolo si perde in un bicchiere d’acqua con giocate fini a se stesso. (100′ PAROLO 6: Entra e la sua freschezza si fa sentire eccome).

LULIC 5,5: Durante la prima frazione è uno dei più attivi, si propone molto spesso in avanti. Dai suoi piedi nasce gran parte dei cross che piombano in area nerazzurra. (79′ DURMISI 5: Si vede davvero molto poco, il suo apporto al match è praticamente nullo).

CORREA 6: Ogni volta che ha la palla tra i piedi potrebbe inventare qualcosa. Le sue ripartenze sono letali. (87′ CAICEDO 5: Appena entrato ha un’ottima occasione ma il solito Handanovic salva tutto. Ha il merito di servire l’assist a Immobile. Poco dopo perde scioccamente la palla che poi porterà al rigore interista).

IMMOBILE 6,5: Il solito match di sacrificio e tante proiezioni offensive. Nel primo tempo Handanovic riesce a negargli la gioia del gol. Nella seconda frazione si vede molto meno, anche se il suo lavoro di quantità è come sempre prezioso. Al 90′ trova ancora il portiere nerazzurro a negargli il possibile vantaggio.

ALL. INZAGHI 6: Prepara una partita molto offensiva, lo si evince dalla lettura delle formazioni scrutando il nome di Correa. I suoi ragazzi giocano abbastanza bene, trovando un miracoloso Handanovic sulla propria strada e riuscendo a segnare solamente nel finale di gara. Al 108′ supera il portiere interista dopo un bel fraseggio con Caicedo portando la propria squadra in semifinale.