Inzaghi: «Dobbiamo analizzare il calo dei secondi tempi. Sogno Scudetto? L’obiettivo è…»

convocati Inzaghi salisburgo-lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Momentaneamente al comando della classifica la Lazio che sbanca anche Benevento. Simone Inzaghi al termine analizza il match

Ottava vittoria consecutiva per la Lazio che già dopo 45′ aveva archiviato la pratica Benevento. Simone Inzaghi nel post partita ha analizzato il successo ai microfoni di Mediaset Premium: «Sono contento per i risultati che stiamo ottenendo. L’approccio è stato giusto, avevamo tutto da perdere, i ragazzi non hanno sottovalutato l’avversario e hanno chiuso il primo tempo sul 3-0. Per noi è una vittoria molto importante. Calo nei secondi tempi? E’ un problema mentale che dobbiamo analizzare perché abbiamo fatto come a Bologna. Le partite non sono mai chiuse, fino al gol di Parolo la gara era in bilico, bisogna analizzare le cose che non vanno anche quando si vince. Nani? Si sta allenando molto bene, si impegna, si è messo a disposizione nonostante abbia vinto tutto in carriera, sono contento per il gol perché se lo meritava. Non dimentichiamo Felipe Anderson, avrà bisogno di  tempo per tornare in forma ma è una soluzione in più in avanti. Immobile può giocare in tutti i modi, a noi dà la possibilità di alternarlo vicino a Luis Alberto, Nani e Caicedo. È bravo a tenere la squadra alta, è intelligente e può giocare da solo o a due. Caicedo? Gli ho parlato alla fine della partita, ha giocato 15 minuti e ha fatto quello che gli ho chiesto, ci sta dando tanto, deve continuare così. Davanti a sé ha Immobile e se non ci fosse lui giocherebbe titolare in qualsiasi altra squadra. Scudetto o Champions? Bisogna pensare partita per partita con lo spirito di questa settimana, dove abbiamo vinto tre gare difficilissime, di cui due in trasferta. Dovremo continuare così, l’obiettivo è rimanere nelle posizioni alte. Dopo 11 partite è prematuro fare previsioni».

CONFERENZA STAMPA – Mister Inzaghi ha poi parlato in conferenza stampa:

Nel secondo tempo la Lazio ha sofferto di nuovo…

«Vero, il primo tempo è stato perfetto, come a Bologna. Se abbassi la guardia succede questo, non si può fare in Serie A. Analizzeremo la situazione, con il 4-1 ancora non era chiusa la partita».

C’è stato un calo fisico?

«Non credo, la squadra sta bene. È un po’ normale calare dopo un grande primo tempo. Siamo in Serie A, il Benevento nella prima parte della ripresa è cresciuto, credo sia fisiologico un piccolo calo di tensione».

Immobile e Nani?

«Ciro è un po’ affaticato, ma sta bene. Nani è un grande professionista, ci dà una grande mano»

Sul 3-1 la Lazio ha rischiato di prendere gol in contropiede…

«Non devono capitare certe cose: una palla si è alzata, Marusic doveva scappare via con l’uomo invece di intervenire. È capitato, succede a volte».

Le prestazioni di Immobile?

«Bravissimo, sta bene, si è messo a disposizione della squadra. Non l’ho tolto, sta troppo bene in questo periodo, Ciro deve continuare così».