Lazio, Mirra: «Leiva è in difficoltà e permette le ripartenze. Contro il Lecce…»

© foto www.imagephotoagency.it

Ex giocatore della Lazio e vice allenatore nella stagione 2004-2005, Vincenzo Mirra analizzato la squadra di Inzaghi

Vincenzo Mirra, ex giocatore della Lazio, ha commentato la gara contro il Lecce a Lazio Style Radio: «La partita non era facile, il Lecce ha dimostrato di fare più punti in trasferta che in casa. Anche la Lazio ha rischiato di subire delle ripartenze, questo ce l’ha nel DNA. Ha molti giocatori offensivi, qualcosa deve concedere. Sullo 0-0 ci sono state delle occasioni per i giallorossi, che avrebbero potuto cambiare la partita. Sto notando Leiva un po’ in difficoltà, questa potrebbe essere una cosa allarmante. Dà i giusti equilibri giocando in mezzo a Milinkovic e Luis Alberto. Il Lecce ha fatto la sua partita, è stata stretta evitando palle filtranti. Bisogna ammettere che ha avuto due o tre occasioni per fare gol. Il brasiliano lo stimo molto, ma in questo momento è in difficoltà, questo permette agli avversari di ripartire. Cataldi? Lui ha l’aggressività nelle sue caratteristiche, ma se diventerà centrale, dovrà ragionare di più, deve essere tattico, sapersi muovere. Va tenuto, tuttavia, in grande considerazione. Luiz Felipe? Non l’avrei spostato, l’avrei lasciato a destra. Acerbi è affidabile, ma l’avrei lasciato al centro. Così sembra come se avessi messo fuori ruolo due giocatori…».

MILINKOVIC e CORREA – «Lo reputo uno dei migliori, non solo in Italia. Non dispiacerebbe vederlo anche qualche centimetro più avanti. Ora non è in una condizione brillantissima, qualche metro in più glielo eviterei. Tutti gli anni deve fare 10-15 gol, se non li fa bisogna farsi una domanda. Correa, con la qualità tecnica e fisica che ha, in queste difese, deve andare dai 15 ai 20 gol. Questi giocatori devono avere quest’obiettivo. Ce l’hanno in canna, devono solo tirarlo fuori. Sosta? Ho visto la squadra un po’ in difficoltà dal punto di vista fisico. La sosta arriva al momento giusto per farli rifiatare. Non c’è lo stress della partita di campionato, un recupero in questo momento è perfetto».