Lazio, Inzaghi: «Il terzo posto è meritato! Siamo stati bravi, non era facile»

© foto As Roma 29/09/2019 - campionato di calcio serie A / Lazio-Genoa / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: Simone Inzaghi

Quarta vittoria consecutiva in campionato per la Lazio, che sale momentaneamente al terzo posto. Simone Inzaghi analizza così il successo sul Lecce

Altri quattro gol in casa per la Lazio, che vince anche con il Lecce, ma con qualche difficoltà di troppo. Al termine del match Simone Inzaghi ha commentato la gara ai microfoni di Sky Sport: «Abbiamo vinto una partita importante, creando tantissimo e subendo qualcosa. Abbiamo affrontato una squadra che ha fatto soffrire chiunque in queste giornate. Nel primo tempo, con un po’ di attenzione sui calci piazzati, forse avremmo vinto più facilmente. Concediamo qualcosina, ma per il nostro modo di giocare probabilmente ci sta. Meritiamo il terzo posto per ciò che stiamo facendo sul campo, ma dobbiamo continuare nel nostro processo di crescita e soprattutto aiutare i nostri difensori.

«Più concreti? Abbiamo bisogno di tutti quanti i giocatori, devo fare i complimenti ai ragazzi perché hanno dato tutto dopo una partita dispendiosa mentalmente e fisicamente come quella contro il Celtic. Acerbi al centro o a sinistra? È una bella domanda. Oggi ha giocato a sinistra perchà Lapadula e Babacar sono due attaccanti fisici, volevo costruire da dietro e Acerbi lo fa bene. In questa partita ha giocato da terzo ed è stato straordinario».

Inzaghi in conferenza stampa

Bella vittoria, è la quarta di fila…
Nelle ultime 7 ne abbiamo vinte 5 e pareggiate due. C’è del rammarico per le due pareggiate. Abbiamo fatto un’ottima gara, calcolando anche quanto successo giovedì. Si pagano le fatiche europee. Ma siamo stati bravi, abbiamo costruito molto anche se c’era un avversario organizzato e preparato che ci ha dato filo da torcere.

Cosa cambia tra le prestazioni viste in campionato e quelle di Europa League?
L’approccio alle partite è sempre lo stesso solo che in Europa non è andata come volevamo, ma bisogna essere bravi a indirizzare gli episodi.

Come è stata questa vittoria?
Non posso rimproverare nulla ai ragazzi anche se gli ultimi 20 minuti dovevamo essere più bravi a gestire. Ora abbiamo 15 giorni per riposare. Il calendario non era semplice e abbiamo fatto bene.

C’è stato il vero salto di qualità?
Penso che la partita con l’Atalanta ci ha dato una spinta. Io ho sempre detto di essere tranquillo perchè vedevo che la squadra giocava e creava molto. In un certo periodo non siamo stati premiati dai risultati, ma sono sempre stato tranquillo perchè la squadra rispondeva e stava sul pezzo

La Lazio è una squadra molto offensiva. C’è bisogno di più equilibrio?
Dobbiamo cercare di trovare il giusto equilibrio. Questo è l’anno in cui abbiamo preso meno gol, abbiamo anche tanti giocatori in attacco che danno tanta qualità. Ci sono due giocatori d’attacco e i quinti per allargare le difese avversarie. Leiva per me stava facendo molto bene anche oggi, ma anche Cataldi sta giocando a livelli ottimi e può dare il suo contributo