Connettiti con noi

Campionato

Lazio, Inzaghi: «Siamo stati presuntuosi. Mentre Milinkovic…»

Pubblicato

su

Le parole di Simone Inzaghi al termine di Lazio-Udinese, gara persa sul campo dell’Olimpico per 1-3

La Lazio si arrende al gioco fisico dell’Udinese e incassa il tris rifilato dalla squadra di Gotti. Ai microfoni di DAZN, ecco le parole di mister Inzaghi:

MATCH – «È arrivata una brutta sconfitta, siamo stati presuntuosi, poco umili. Sapevamo che partita avrebbe fatto l’Udinese. Siamo tutti responsabili di questa sconfitta, io per primo. Fortunatamente tra tre giorni siamo ancora in campo e potremo lasciarcela alle spalle, ma è sicuramente una sconfitta che fa male. L’Udinese ha fatto un’ottima partita, noi non abbiamo vinto una seconda palla, un rimpallo, siamo delusi per la prestazione. Ci sta di perdere meritatamente».

MILINKOVIC-SAVIC – «Lo abbiamo valutato, ha fatto diversi giorni a letto, deve tornare quello lasciato prima del Covid, avevamo pensato di fargli fare solo venti minuti ma solo in emergenza, appena avrà qualche allenamento tornerà in campo».

CHAMPIONS – «Avremo una partita difficilissima a Dortmund, manca ancora qualche punto per ottenere la qualificazione e dovremo dare tutto».

Inzaghi a Lazio Style Radio

«Io infuriato? Abbiamo fatto una brutta gara, non siamo stati umili, abbiamo perso le seconde palle e a livello fisico. Dovevamo fare meglio tutti, io in primis. Ora dobbiamo resettare e pensare alla prossima gara, dobbiamoa bituarci a giocare tanto perchè l’abbiamo voluta tutti questa Champions. Dovevamo fare tutti qualcosa in più. Sconfitta senza scusanti. Dobbiamo fare del nostro meglio sempre, a prescindere dal nostro avversario». 

Inzaghi in conferenza

«Leziosi e poco umili, è stata una brutta sconfitta. Non si vince così. Resettiamo adesso per mercoledì. Sapevamo che la Champions porta via energie, ma dovevamo fare qualcosa in più. Si fatica, ma mi aspettavo di più dai ragazzi. Ora analizziamo la sconfitta e guardiamo avanti. Milinkovic? Non era in grado di giocare, volevamo fargli fare un pezzettino di partita, ma avevo finito i cambi. Gli mancano tre allenamenti, poi vediamo se riuscirà a giocare a Dortmund».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy

 

Advertisement