L’assenza rumorosa dei titolari silenziosi. Lazio, ecco tre pilastri finiti nel dimenticatoio…

Lukaku
© foto www.imagephotoagency.it

In casa Lazio mancano all’appello ancora tre potenziali titolari. Da Luiz Felipe a Berisha, passando al dimenticato Lukaku

‘Squadra al completo’, eh no. Non proprio. Spesso non citati, quasi sempre dimenticati. Si tratta di loro, i ‘titolari silenziosi’, quelli che non rubano l’occhio, ma la cui assenza quando prolungata si fa sentire. Non parliamo di Milinkovic, Immobile o Luis Alberto per intenderci, però in una squadra di calcio tutti sono importanti e nessuno indispensabile. Importanti, proprio come loro, sottovalutati e mai menzionati nel blocco dei titolari. Partiamo dalla difesa, dove la grande prestazione di Wallace ha quasi fatto dimenticare l’assenza di Luiz Felipe, probabilmente per potenzialità il centrale più forte della rosa. La Lazio dovrà fare a meno di lui almeno per altre tre settimane.

DIMENTICATI – La palma del giocatore meno considerato spetta a Jordan Lukaku, messo fuori lista a causa di un’infiammazione al tendine rotuleo che lo tormenta da circa un anno. Il belga sta proseguendo il protocollo riabilitativo che tra un mesetto lo rimetterà a disposizione di Inzaghi, desideroso di poter riavere con sé il suo spacca partite preferito. E poi c’è lui. Faccia cattiva da guerriero e duttilità che lo rendono imprescindibile per qualsiasi tecnico. Valon Berisha, 25 anni e tanta voglia di raggiungere la definitiva consacrazione con la maglia della Lazio. Può ricoprire tutti i ruoli centrali del centrocampo, ma considerando anche le altre caselle, nello scacchiere biancoceleste rappresenta il perfetto vice Milinkovic. Considerando il momento non brillantissimo del serbo, mai come ora sarebbe servito il kosovaro, bloccato da un problema muscolare che lo renderà disponibile solo dopo la sosta. Tre titolari da aggiungere agli altri che si stanno alternando adesso. Il livello della Lazio dal lunedì alla domenica resterà sempre alto, soprattutto quando Luiz Felipe, Berisha e Lukaku torneranno a disposizione. E lì Inzaghi, dopo tre anni potrà finalmente avere il problema che ogni allenatore sogna: l’abbondanza.

Articolo precedente
salasSalas e il ricordo della Supercoppa Europea: «Campioni contro il Manchester Utd!» – FOTO
Prossimo articolo
wallaceWallace, 90 minuti per riprendersi la Lazio: il brasiliano annienta CR7 – VIDEO