La soddisfazione di Inzaghi: «I ragazzi hanno giocato con grande spirito. Lombardi? Si è meritato tutto»

© foto www.imagephotoagency.it

Al termine della partita vinta dalla Lazio in casa dell’Atalanta, il tecnico dei biancocelesti Simone Inzaghi ha commentato il successo dei suoi ai microfoni di Premium Sport. Ecco le sue risposte:

 

Bel messaggio da parte della squadra?
“Penso che siamo andati aldilà delle aspettative, avevo detto alla vigilia che avevamo preparato bene questa partita. L’avevamo preparata sul 4-3-3 loro, ma si sono messi in un altro modo. Abbiamo fatto un buon primo tempo, poi abbiamo preso un goal balordo. I ragazzi hanno giocato con grande spirito, lodevole Djordjevic che ad esempio ha giocato in un ruolo non suo”.

 

Si può migliorare la squadra o ci vogliono altri arrivi?
“Abbiamo fatto una buona partita, ci sono cose da migliorare, vincere a Bergamo non è mai semplice”.

Quanto ti è servito il settore giovanile?
“Penso che per me sia stato facile. Lombardi l’ho avuto negli allievi regionali, poi in Primavera. Non gli ho regalato nulla, dal 10 di luglio ha lavorato nel migliore dei modi, c’è stata l’occasione e l’ho mandato in campo. Mi ha sempre dato tanto e l’ho ripagato. E’ stato in giro, ha preso bastonate ma è cresciuto”.

Keita?
“Se n’è parlato troppo. Sul sito della Lazio ci sono le conclusioni della società. Per il mercato ci stanno pensando i dirigenti, dobbiamo fare qualcosa davanti. Qualcuno arriverà (uno tra Cerci e Dirar) se qualcuno arriverà deve avere lo spirito di stasera. Arriverà qualcuno per colmare il vuoto lasciato da Candreva”.

 

L’allenatore laziale ha parlato anche a Sky Sport: “Sono contento… L’avevo detto alla vigilia che avevamo preparato al meglio la partita. È stata sofferta, ci aspettavamo un modulo diverso dell’Atalanta. Siamo stati bravi e organizzati, disputando sessanta minuti perfetti. Sapevamo che c’era da soffrire, anche da campione d’Italia qui ero andato sotto 2-0. È un campo difficile, non ci aveva portato fortuna negli ultimi anni. Onore quindi ai ragazzi, anche a chi entrato dopo. Qui non sarà facile per nessuno. Keita? Se ne è parlato troppo, in questo modo c’era il rischio che non interpretassimo bene la partita. Su di lui ha già risposto la società. Se rimanesse, dovrà riconquistare l’allenatore e soprattutto i suoi compagni. Il mercato crea a problemi a tutti gli allenatori fino al 31 agosto con partenze e nuovi arrivi. Ringrazio i giocatori per lo spirito messo in campo e la disponibilità che mi danno già dallo scorso anno. Ora abbiamo un giorno per gustarci la vittoria, poi prepareremo la sfida con la Juventus nel migliore dei modi”.

 

 Infine Inzaghi si concede alle domande dei giornalisti presenti in conferenza.

Più bello vincere soffrendo?

«Vincere qua non è mai semplice, onore ai ragazzi per come hanno interpretato i primi 60 minuti. Abbiamo preso un gol balordo, poi ci siamo messi a 5. L’abbiamo portata a casa, non so in quanti vinceranno qui, su questo campo.»

Che valore ha questa vittoria?

«Dovevamo partire con il piede giusto, non era facile, siamo stati squadra, anche belli. Non dimentichiamo che abbiamo i nazionali e i nuovi acquisti che hanno fatto solo un’amichevole, quella con il Borussia. Loro sono al completo da luglio, hanno fatto dieci amichevoli, abbiamo vinto una grande partita.»

L’atteggiamento spregiudicato dell’Atalanta vi ha favoriti?

«Siamo stati bravi a sistemarci, pensavamo giocassero con il 3-4-3, invece si sono messi con il 3-5-2. Siamo stati lucidi, abbiamo fatto 3 gol, le squadre di Gasperini sono preparate bene. Sarà difficile per tutti superare l’Atalanta.»

Una parola per Lombardi, Marchetti e Felipe Anderson…

«A Lombardi non ho regalato nulla, se l’è meritato per come si sta allenando dal primo giorno. Felipe lo aspettiamo per martedì, sarà disponibile per la Juve. Marchetti aveva fatto due ottimi interventi, forse sul secondo gol poteva fare qualcosa. Ma ho fiducia in lui.»

Cosa ti è piaciuto e cosa invece non è andato?

«Mi è piaciuta la vittoria, grande onore e sacrificio a chi ha giocato dall’inizio e a chi è entrato a gara in corso.»

Domani Keita sarà in campo con i compagni?

«Non lo so, penso che sarà al campo. Vedremo come sta. Se n’è parlato fin troppo, onore ai 22 di Bergamo, tutti avrebbero meritato di giocare. Se fosse stato per me sarei tornato come ai tempi degli Allievi quando avevo 8 cambi, li avrei fatti giocare tutti per come si stanno allenando.»