Frosinone, conferenza Longo: «Lazio squadra completa, ma mi aspetto risposte». E su Luis Alberto…

© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza Longo – Il tecnico del Frosinone ha risposto alle domande della stampa alla vigilia del match con la Lazio

Il Frosinone fa visita alla Lazio nel prossimo turno di campionato. Per analizzare il match l’allenatore Moreno Longo è intervenuto in conferenza stampa. Ecco le sue parole: «La Lazio è una squadra con qualità per sfondare con gli esterni, dovremo essere bravi ad arginarli. Hanno due mezzali come Parolo e Milinkovic, bravi anche negli inserimenti. E’ una squadra completa. Dovremo essere attenti a non prestare il fianco, ma bravi a mostrare coraggio, con la convinzione di poter avere un risultato positivo perché siamo in crescita. Sotto l’aspetto delle occasioni da gol non ne abbiamo avute molte con l’Atalanta, sapevamo fosse una delle peggiori da affrontare. Per quanto riguarda la partita con il Bologna, la squadra ha creato molto. La condizione della squadra? Campbell non sarà convocato, ha un problema alla caviglia. Ardaiz sta migliorando la condizione fisica, non è utilizzabile dall’inizio ma potrà essere impiegato per uno scampolo di partita. Per quanto riguarda gli altri, Pinamonti si sta inserendo sempre di più e domani sarà con la squadra. Ciofani ne avrà ancora per qualche settimana. Modulo? Se cambiassi dopo due partite, di cui una fatta bene come quella con il Bologna, significherebbe non avere le idee chiare e non proseguire sull’organizzazione improntata in estate. Stiamo lavorando sull’aspetto dell’atteggiamento. Già contro la Lazio mi aspetto un netto miglioramento. Dobbiamo migliorare nel giocare sotto pressione. Non ho ancora scelto quelli che domani saranno i componenti del pacchetto arretrato, ci penserò tra oggi e domani. Goldaniga l’ho cambiato per un piccolo disturbo fisico, con il Bologna, onde evitare peggioramenti. Infatti domani sarà a disposizione. Io bestia nera di Inzaghi? Non credo nei numeri, penso che spesso siano fatti per essere sfatati. Ogni partita è una partita a sé. Il passato non potrà influire su questa gara. Come contrastare Luis Alberto? Noi pensiamo a lavorare di squadra, altrimenti dovremo pensare anche a un’arma contro Milinkovic, contro Immobile e tanti altri. Dovremo essere compatti, faticare quando ci spetterà ed essere bravissimi nelle occasioni che riusciremo a creare, con la convinzione di poter fare punti con chiunque. Esodo dei tifosi? Non mi piace accampare alibi, ma ci è mancato il contatto con i nostri sostenitori. Aiuta anche a far inserire i giocatori arrivati da poco. Se nel secondo tempo contro il Bologna avessimo attaccato sotto la nostra Curva, lo avremmo fatto con un altro entusiasmo. Contro la Lazio ci seguiranno numerosi. Ma non vediamo l’ora di giocare nel nostro stadio».

Articolo precedente
scudetto 1915Scudetto 1915, l’avv. Mignogna: «Tendenza a mettere l’accento su tutto ciò che è negativo, aspettiamo la Figc»
Prossimo articolo
canigiani derby lazioCanigiani: «Info sul mini abbonamento per i gironi di Europa League»