ESCLUSIVA – Geppo e l’amicizia con Candreva: «Antonio ragazzo umile». Su Inzaghi…

© foto @Facebook

ESCLUSIVA LN24 – Geppo, noto comico romano, è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni per parlare di Antonio Candreva, ex biancoceleste, e di Simone Inzaghi

Antonio Candreva si è dimostrato un giocatore fondamentale per gli allenatori che ha avuto, e si sta confermando molto importante anche per i meccanismi dell’Inter di Luciano Spalletti. Per parlare del suo rapporto con l’ex laziale Candreva e del lavoro di mister Inzaghi, è intervenuto ai nostri microfoni il noto comico romano Simone Metalli, in arte Geppo. Ecco le sue parole

Dove e come ha conosciuto Antonio Candreva ?

«Conosco Antonio da quando è molto piccolo perchè è il cugino del mio migliore amico, lo portavamo al mare con noi (ride, ndr). Era uno di quei bambini sempre con il pallone tra i piedi, si vedeva fin dall’infanzia che avrebbe potuto avere un futuro da sportivo».

Lei cosa le ha detto quando è venuto a sapere del trasferimento a Milano ?

«Seguo Antonio sin da quando giocava con squadre minori, quando era alla Lodigiani, alla Ternana; poi ha cominciato a fare dei passi da gigante arrivando a club importanti come l’Udinese, un anno in prestito alla Juventus, altri prestiti al Parma, al Cesena ed infine il passaggio alla Lazio. Quando è passato ai biancocelesti avevo più possibilità di vederlo essendo io di Roma, poi quando c’è stato il trasferimento all’Inter non ho potuto che fargli i complimenti, passare da un club importante all’altro non è da tutti».

Che tipo di persona è ?

«Antonio è una persona molto semplice, può piacere o no come tutti gli altri calciatori e non ha dimenticato le sue origini; viene da un quartiere (Tor de’ Cenci, ndr) che è un’ex borgata come il mio e nonostante la fama ed il successo, Antonio è rimasto una persona molto umile».

In molti hanno affermato che Candreva fosse romanista, le ha mai detto qualcosa sulla sua fede calcistica ?

«La “leggenda” che lui fosse romanista è una di quelle storie che lasciano il tempo che trovano. Quando si diventa un professionista bisogna saper adattarsi in qualunque
squadra si vada mettendo la fede calcistica in secondo piano; comunque ripeto che è un grande professionista e dà sempre tutto nelle squadre in cui gioca».

Cosa pensa di Simone Inzaghi ?

«Inzaghi si è dimostrato un tecnico eccellente ed ha riportato i biancocelesti ai vertici della classifica dopo stagioni altalenanti», conclude Geppo.