De Zerbi: «Non so se sarà la mia ultima gara. Lazio molto forte in attacco»

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo 6 sconfitte consecutive per il Palermo si profila un’altra prova difficilissima contro la Lazio. I biancocelesti, reduci da 8 risultati utili consecutivi sono tra i peggiori avversari che potessero capitare al Barbera. La posizione del tecnico Roberto De Zerbi (il quale aveva rilevato Ballardini nelle prime giornate) è già complicatissima.

 

“Non so se quella di domani sarà la mia ultima partita – ha esordito lo skipper dei siciliani -. Io sto dando tutto mettendoci la massima serietà, professionalità ed impegno. Contro la Lazio speriamo di vincere. Forse cambieremo qualcosa dal punto di vista del sistema di gioco, ma non credo che i risultati negativi dipendano da questo. Se cambio lo faccio anche in base a chi andiamo ad affrontare. La Lazio ha tre attaccanti forti e due mezzali che si inseriscono molto, un po’ come il Torino. Dove ho allenato finora non hanno mai aperto grosse discussioni sul modulo. Con Torino e Roma giocando a 5 abbiamo subito 8 gol, mentre in altre partite con un uomo in meno in difesa avremmo tenuto il gioco più lontano dalla nostra area. Molti gol li avremmo potuti evitare con la difesa a 5, però le statistiche dicono che subiamo molti più tiri con questa soluzione tattica”.

Riguardo ai dubbi di formazione De Zerbi ha precisato: “Diamanti? Se sta bene gioca sempre. Parlerò con lui, se è brillante e sta bene domani ci sarà. Giovedì l’ho visto bene, ieri e oggi era un po’ stanco ma può essere normale e non mi spaventa. Gonzalez, invece, è recuperato al 100% e domani giocherà. Bouy potrebbe essere un’ipotesi per domani”.

L’allenatore rosanero sa cosa serve per battere la Lazio: “Ci vorranno coraggio e intraprendenza. Sono qualità che si possono e si devono allenare. Dal punto di vista del coraggio non siamo ancora al top. Il nostro approccio nei primi 20′ è diverso dagli ultimi 70′. Bisogna capire perché, se quell’inizio brillante è frutto del lavoro che facciamo in settimana e poi peggiora l’atteggiamento o che altro. Questa settimana è stata particolare. Io l’ho vista sempre bene la squadra all’inizio. Le mie responsabilità me le prendo, però non può anche i calciatori devono prendersi le loro”. Infine sull’incontro, fissato per l’ora di pranzo, De Zerbi ha affermato: “Giocare alle 12.30? Beh, ci addormentiamo prima e mangiamo prima. Incide solo un po’ nell’alimentazione e nel ritiro. Però sono contro tutte queste forme di varianti di ora. Per me le partite sono di domenica alle 15 e basta”.

Intanto il mister rosanero ha convocato 23 giocatori per la sfida contro i biancocelesti:

 
Portieri: Fulignati, Guddo, Posavec.

Difensori: Aleesami, Andelkovic, Cionek, Goldaniga, Gonzalez, Morganella, Pezzella, Rispoli, Vitiello.

Centrocampisti: Bouy, B. Henrique, Chochev, Gazzi, Hiljemark, Jajalo, Quaison.

Attaccanti: Diamanti, Lo Faso, Nestorovski, Sallai.

Articolo precedente
Rivivi la diretta – Inzaghi: «Col Palermo dovremo tenere alta la guardia. Formazione? Ho diversi dubbi…»
Prossimo articolo
PRIMAVERA – Javorcic affonda la Fiorentina e porta la Lazio al secondo posto