Biava: “I problemi fisici hanno limitato la difesa. Napoli? La Lazio può battere chiunque”

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex difensore della Lazio, Giuseppe Biava, è intervenuto ai microfoni di Radio Olimpia: “Ieri è stata una giornata storta ad Udine. La Lazio ha pensato che in superiorità prima o poi il vantaggio sarebbe arrivato e si è affidata troppo alle giocate dei singoli. Quest’anno è più dura rispetto allo scorso anno perchè sta mancando Felipe Anderson, e le giocate che possono risolvere la partita sono soltanto Candreva e a volte Keita. Poi io conosco Colantuono, riesce a far giocare male tutte le squadre avversarie, si chiude sempre molto bene, ancor di più ieri in inferiorità numerica”.

Poi un pensiero su Konko: “Ieri mi è piaciuto molto e sono contento per il momento che sta vivendo. E’ uno dei terzini più forti in assoluto, i problemi fisici hanno limitato il suo rendimento però adesso ha trovato continuità e sta facendo benissimo. Ha sempre dato tutto, i problemi al polpaccio hanno frenato la sua carriera ma le sue qualità non si discutono!.

Sulla difesa in generale: “Bisevac mi è piaciuto da subito, buona personalità, che sa quando giocare il pallone, quando serve spazzare, si vede la sua esperienza. Anche Hoedt mi ha fatto una buona impressione, non è facile per un ragazzo così giovane venire a giocare nel nostro campionato, per di più in una stagione con tanti problemi dove era partito per fare esperienza alle spalle o in coppia con De Vrij e all’improvviso si è ritrovato titolare. Se riuscirà a superare questo momento, questa stagione sarà un’esperienza molto preziosa per lui e sono convinto che potrà fare molto bene. Purtroppo la Lazio non riesce mai a schierare la difesa titolare. Quest’anno tanti problemi fisici hanno limitato tutto il reparto”.

Infine sulla gara col Napoli: “Ci saranno tante assenze anche a centrocampo e in attacco, però non si sa mai. E’ capace di vincere contro chiunque o di perdere con chiunque. E’ dura con il Napoli, ma la Lazio è capace di tutto, anche di stupire tutti”.