Rivivi la diretta – Pioli: “Dobbiamo fare una grande rimonta. Sceglierò la formazione migliore contro un avversario motivato”

© foto www.imagephotoagency.it

Domani la Lazio sarà impegnata al Matusa contro il Frosinone di Stellone in cerca di punti salvezza. Ecco le risposte di Stefano Pioli in conferenza stampa prima del match di domani pomeriggio

 

Siete tornati da Istanbul con qualche certezza in più?
“Sì, di una squadra in salute, in crescita, nelle ultime prestazioni abbiamo fatto qualcosa di importante. Ma siamo ancora lontani dai nosti obiettivi, dobbiamo correre forte”.

 

Farà calcoli in vista del ritorno col Galatasaray?
Siamo tornati solo ieri, oggi c’è un allenamento importante, cercherò di capire le condizioni di chi ha giocato giovedì. Farò una formazione competitiva, domani è difficile e importante, dobbiamo recuperare posizioni. 

 

Si può dire che le prossime quattro partite saranno decisive?
“Dobbiamo fare una rimonta impressionante, recuperare tanti punti, siamo a 9 dalla quinta e 7 dalla sesta. Ci credo così come i miei giocatori, dobbiamo fare più vittorie possibili. Potrebbe non dipendere solo da noi. Anche l’anno scorso abbiamo avuto momenti difficili, ma abbiamo continuato a crederci. Ora non possiamo più fare passi falsi”. 

 

Le condizioni di Basta e Bisevac? 
“Stanno meglio entrambi, anche per loro sarà importante oggi ma credo saranno disponigili”.

 

Come sta Gentiletti?
“Lo staff ha deciso un percorso diverso, è in sofferenza nella parte posteriore del ginocchio. Le cure non prevedono allenamenti con la squadra, ma non so i tempi di recupero”.

 

Ha la possibilità di scegliere tra tanti giocatori domani
“Sì, sceglierò quelli in grado di fare bene domani, contro un avversario che crede nella salvezza. Dobbiamo essere pronti fisicamente e mentalmente. Davanti ho tante possibilità, spero di non sbagliare”.

 

Sta rivedendo le motivazioni e la serenità dell’anno scorso? 
“Le motivazioni sì, la voglia di dimostrare che valiamo di più di quanto fatto pure. Le aspettative quest’anno erano maggiori rispetto all’anno scorso, c’era più fiducia nei nostri confronti. Lavoriamo per una società importante, in un ambiente importante e prestigioso. E’ normale essere sotto pressione ed essere criticati durante i passaggi a vuoto. La stagione però non è finita, abbiamo la possibilità di recuperare”. 

 

C’è una gerarchia sulle fasce d’attacco?
“Tutti sono in concorrenza con tutti, abbiamo giocato con Candreva e Felipe insieme, hanno fatto bene a volte, a volte meno. Candreva ha avuto un problema col Napoli, in seguito ho fatto altre scelte. Le ultime prestazioni sono state positive, dipende dalla loro condizione. Bisogna fare un tridente che possa collaborare e lavorare bene insieme, anche in base all’avversario. Tutti si devono far trovare pronti dall’inizio e a partita in corso”. 

 

Teme l’ambiente del Matusa?
“Non ci sono dubbi, il Frosinone farà tutto il possibile per metterci in difficoltà. Conterà l’ambiente ma a fare la differenza sarà soprattutto quello che facciamo in campo e la voglia di portare a casa il risultato per 95 minuti”.