Romulo, conferenza di presentazione: «Lazio, sei la mia rivincita! Qui mi sento già a casa, sono pronto per giocare»

© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa di presentazione per il nuovo acquisto della Lazio Romulo, arrivato in biancoceleste nell’ultimo giorno di calciomercato

L’unico acquisto del mercato di gennaio della Lazio risponde al nome di Rômulo Souza Orestes Caldeira, meglio noto come Rômulo. L’italo-brasiliano è arrivato in prestito con diritto di riscatto dal Genoa e oggi verrà presentato nella sala stampa di Formello.

Prende parola il ds Tare: «Buongiorno a tutti, sappiamo tutti la storia del mercato di gennaio. Alla fine abbiamo fatto un acquisto nell’ultimo giorno, proprio perchè come già spiegato la necessità non c’era avendo una rosa molto ampia, ma dopo le problematiche avute con Marusic e con Patric nelle ultime due settimane, con problemi di adduttori, abbiamo deciso di trovare un profilo di calciatore esperto e che subito potesse integrarsi nella nostra squadra. Soprattutto con caratteristiche che potevano esserci utile. Alla fine abbiamo deciso di fare l’innesto di Romulo, sono sicuro che con le sue caratteristiche e la determinazione ci sarà molto utile».

Domande per Romulo:

Questa è la tua grande occasione?

«Si, avevo già perso una grande occasione alla Juve per un problema fisico. Ho perso anche i Mondiali nel mio momento migliore. Volevo arrivare in una grande squadra per mostrare il mio valore. Sono contento di arrivare qui, darò tutto me stesso per raggiungere gli obiettivi di squadra e personali, per potermi prendere la mia rivincita. Conoscevo già dei ragazzi, avevo già giocato con Parolo e Immobile. Mi hanno accolto tutti molto bene, mi sento già a casa, sono già pronto per aiutare squadra e compagni. Sono pronto per giocare».

Lotta Champions….

«Saranno determinanti le ultime partite, siamo tutte lì, in corsa per la Champions. Il direttore mi ha chiamato anche per quello, per dare più chance al mister. Ci saranno infortuni e squalifiche, quindi servono tante alternative. Sono felice di essere qui e poter dare il mio contributo».

Cosa hai pensato quando ti ha cercato la Lazio?

«E’ stata una grande emozione perchè si tratta di una grande squadra, come ho già detto ho perso una grande opportunità alla Juve. Mi ha convinto il direttore, anche se non ce nera bisogno. Ero fortemente emozionato, sono qui per prendermi la mia rivinci, dopo tante cose che ho vissuto. Darò tutto per questa squadra».

Che differenze ci sono tra Piatek e Immobile?

«Piatek è veramente fantastico, mi sono subito accorto di quanto fosse forte quando in amichevole ha fatto 5 gol. Si allena tanto e dentro l’area è fortissimo. Immobile invece è forte anche fuori a differenza di Piatek. Krzysztof  dentro l’area è letale, è un attaccante di altissimo livello».

Che impressione ti ha dato la Lazio dall’esterno?

«Tutte le volte che ho giocato contro la Lazio ho perso, giocavano sempre bene e pressavano alto, facendo un calcio bello e aggressivo. Ho detto al mio procuratore prima di venire qua che la Lazio è la squadra che gioca meglio al calcio. Ha questo mix di esperienza e gioventù, questo fa si che si può puntare in alto. Sono stato felice quando mi hanno contattato, la Juve fa un campionato a parte, ma la Lazio è quella che gioca meglio tra tutte le altre.

Quale ruolo preferisci? 

«Sono venuto per giocare sulla fascia, ma tutti sanno che il mister può schierarmi anche come interno di centrocampo. Quello era il mio primo ruolo, poi mi sono spostato sulla fascia».

Ti hanno già parlato del Derby

«Da quando sono arrivato in Italia ho capito che il derby della Capitale è il più bello e il più sentito. Non vedo l’ora di giocarlo e vincerlo. Parlano 24 ore su 24 di questa partita, sarà una cosa bellissima da vedere e da giocare».