Primavera, La Roma passeggia sulla Lazio grazie all’aiuto di Rocchi: il derby termina ancora 5-0

primavera
© foto www.imagephotoagency.it

La Roma batte la Lazio per 5-0 e approda alle semifinali del campionato primavera. Decisiva ai fini del risultato l’espulsione di Cardoselli dopo 18 minuti

Perde ancora la Lazio, sempre 5-0. Cambia la competizione non il risultato. Vittoria rotonda per la Roma, in superiorità numerica per 73 minuti, in seguito all’espulsione di Cardoselli per doppio giallo. Bonatti per l’occasione conferma l’ormai consueto 4-4-1-1, adottato nell’ultimo periodo. In porta c’è Adamonis; in difesa Spizzichino, Miceli, Baxevanos e Ceka; a centrocampo Bezziccheri e N’Diaye sulle fasce con Abukar e Cardoselli in mezzo. A supporto dell’unica punta Rossi c’è Barì. La prima occasione della partita capita alla Lazio con un tiro da fuori di Cardoselli, respinto con i pugni da Crisanto. Le due squadre si studiano e soltanto al quarto d’ora la Roma riesce a rendersi pericolosa, con una conclusione di Bordin che non sorprende Adamonis. Al 18’ arriva la svolta del match: Cardoselli ammonito 30 secondi prima per aver interrotto una ripartenza, entra a contatto con Soleri in area. Rocchi non ha dubbi: indica il dischetto e espelle per doppia ammonizione il centrocampista biancoceleste, che però le immagini confermano, non ha minimamente inciso sulla caduta dell’avversario. Nonostante l’ausilio della Var l’arbitro assegna la massima punizione. Dagli undici metri va Anocic, ma Adamonis intuisce e respinge, sulla ribattuta si avventa Tumminello che manda fuori. La Roma prende il sopravvento grazie all’uomo in più e al 26 va vicino al gol con Soleri che da posizione defilata manda a lato di testa. Il vantaggio però è solo questione di minuti e arriva al 32’ sugli sviluppi di calcio d’angolo: Tumminello salta tra Bezziccheri e Baxevanos e di testa gira dove Adamonis non può arrivare. La Lazio accusa il colpo e rischia di capitolare quando Soleri due minuti dopo colpisce il palo di testa. Dopo averci provato più volte il numero 9 trova il gol al 36’, quando sovrasta Miceli e sempre di testa batte l’incolpevole Adamonis. I biancocelesti provano una timida reazione nel finale: cross di N’Diaye per Bezziccheri che incrocia con il piatto sinistro, ma il pallone termina fuori. La prima frazione si conclude nel peggiore dei modi per la Lazio, sotto di due uomini e di due gol. Pesa l’errore grossolano di Rocchi in occasione del rigore concesso alla Roma.
CROLLO – Il match riparte e Adamonis commette subito un grave errore, regalando un pallone alla Roma che sigla il 3-0, ma Rocchi annulla per fuorigioco. Al 53’ Bonatti effettua il primo cambio, inserendo Portanova per Barì. La musica però non cambia sono sempre i giallorossi a fare la partita e al 57’ trovano il tris con Soleri che sulla linea di porta deve solo spingere in rete. Rocchi prima annulla, poi con l’aiuto della Var convalida, ma i dubbi restano. Vuole il gol della bandiera la Lazio che si fa vedere dalle parti di Crisanto con una bella conclusione di Bezziccheri, fuori di poco. Al 70’ la Roma cala in poker con Antonucci che raccoglie un cross dalla destra e con il piattone destro trova l’angolo alla sinistra di Adamonis, ancora una volta incolpevole. Nel finale c’è spazio anche per Muzzi che rileva Bezziccheri. Al 90 arriva la tripletta di Soleri che raccoglie una sponda di Tumminello e deposita in rete. Termina male la stagione della Lazio, che incassa la seconda sconfitta stagionale dalla Roma, dopo quella nel derby. Risultato rotondo che non rispecchia i valori delle due squadre. Decisivo Rocchi con una decisione inconcepibile che ha lasciato in 10 la Lazio dopo 18 minuti.