Connettiti con noi

Hanno Detto

Primavera, Crespi: «L’amore per la Lazio è viscerale. Allenarsi con Immobile…»

Pubblicato

su

Valerio Crespi – protagonista della Primavera di Calori – si è raccontato per il Lazio Style 1900 Official Magazine

Valerio Crespi è uno dei protagonisti della squadra di Calori. Alla prima stagione in Primavera, è già andato in doppia cifra tra Campionato e Coppa Italia, un orgoglio che sintetizza in una frase: «La Lazio è la mia seconda famiglia».

E poi continua: «Il lavoro sul campo è fondamentale. Ringrazio i miei compagni che mi incoraggiano sempre, perchè la fiducia del gruppo ti dà forza. Il mister sprona tutti a superare noi stessi, a diventare prima uomini e poi calciatori. Segnare è sempre una sfida per me, ma non un’ossessione. Noi giovani siamo all’inizio di un percorso lungo e tortuoso, dobbiamo solo lavorare a testa bassa e migliorarci. E poi qui a Formello di esempio ce ne sono tanti…».

L’esempio non può che essere Immobile: «Ciro non ha bisogno di autoproclamarsi, parlano i suoi numeri, le sue gesta. Allenarmi al suo fianco è qualcosa di indescrivibile, mi ispiro moltissimo a lui».

E su di sè: «Sono un ragazzo semplice a cui piace divertirsi e passare una serata con gli amici di sempre. Ma questo è anche il momento in cui occorre sacrificare giorni di svago per rincorrere un sogno. quello di diventare un calciatore professionista. Se hai la passione per questo sport, poi diventa tutto più semplice e automatico» rivela al Lazio Style 1900 Official Magazine.

Poi c’è l’amore, quello per la Lazio: «Qualcosa di viscerale, vivo in una famiglia di laziali. Mio padre, mio fratello, il sottoscritto. Viviamo di Lazio h24. Ricordo ancora la mia prima volta allo stadio, in Coppa Italia contro la Juventus nel 2013, al gol di Floccari un boato assordante».