Connettiti con noi

Hanno Detto

Fares: «Alla Lazio ho imparato qualcosa. E su Caicedo…»

Pubblicato

su

Fares è tornato sulla sua avventura alla Lazio, parlando anche del suo rapporto con Caicedo: le sue parole

La doppietta realizzata nel match contro il Cagliari gli ha permesso di prendersi la copertina. E ora Fares, in un lunga intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, ha toccato tanti temi, tra cui la sua avventura alla Lazio e il suo rapporto con Caicedo.

LAZIO – «La mi è stata una stagione sfortunata, la definirei così. Ero arrivato a Roma senza preparazione, poi ho avuto il Covid-19… Ogni esperienza ti insegna qualcosa. Spero di non ripetere più certi errori». 

CAICEDO – «Spero che torni presto. Non parla tanto, ma abbiamo un bel rapporto. C’è bisogno di lui. Lui qui titolare? È qui per questo, la sua carriera parla chiaro. Lui è fortissimo». 

DOPPIETTA – «Sono stracontento per l’importanza che ha avuto la nostra vittoria. Pesano quei tre punti a Cagliari, perché in un momento così particolare. Quando perdi due a zero non pensi più a nulla. Pensi solo a dare il massimo tentando di recuperare lo svantaggio sino a quando il cronometro te lo permette. Certo, per quel che poi è successo, mi sono evidentemente trovato nel posto giusto al momento giusto, ma prima di diventare un esterno da ragazzo ero un attaccante… Lo stesso ruolo di mio padre. Giocava anche lui, ma dovette interrompere la sua carriera per un incidente in moto. Ora è sempre al mio fianco. Il ruolo di punta risale proprio ad inizio carriera: adoravo CR7, tanti giovani attaccanti avevano lui come modello».

TRASFERIMENTO L’ULTIMO GIORNO – «Non mi sono mai voluto occupare di certe situazioni. Sapevo dell’interessamento e il trasferimento qui mi ha fatto piacere. Gioco in Italia ormai da molti anni, e il prestigio, la storia e il fascino di questa piazza mi erano già ben noti. Quando l’operazione è andata in porto, sono stato molto contento».

BALLARDINI – «Abbiamo lavorato tanto e bene in questi primi giorni. Come per- sona, il mister è molto posato. Spero di imparare e di crescere tanto in questa stagione».