La moviola di Lazio-Inter: partita intransigente per Rocchi

© foto www.imagephotoagency.it

Lazio ed Inter finalmente faccia a faccia. Sul prato dell’Olimpico va in scena il big match che vale la Champions: arbitra Rocchi

L’orologio ha scoccato l’ora: è Lazio-Inter. L’ultimo match della stagione che potrebbe coronare un sogno insperato ad inizio campionato: l’accesso all’Europa dei grandi. Tra i biancocelesti e la Champions League solo novanta minuti. Momenti che si preannunciano interminabili e pregni d’ansia, il compito di dirigerli al meglio è di Gianluca Rocchi, della sezione di Firenze. A coadiuvarlo nel lavoro sono gli assistenti: Di Liberatore – Di Fiore; il IV Uomo: Guida; gli esperti Irrati e Vuoto rispettivamente al V.A.R. e all’A.V.A.R.

PRIMO TEMPO

9′ – partita accesissima, Lazio subito propositiva che si porta in avanti con Immobile che serve il pallone per Marusic. Il montenegrino, da posizione angolata cerca di beffare Handanovic ma lo aiuta Perisic: è autogol. Tutto regolare;

12′ – primo cartellino del match: giallo per Brozovic. Il giocatore piazza la gamba nel tentativo di fermare Milinkovic che s’invola palla al piede. Il fallo è volontario, inevitabile l’ammonizione;

23′ – pnimi roventi all’Olimpico, altro giallo per i nerazzurri: Miranda falcia letteralmente Murgia col piede a martello, il centrocampista cade a terra. Rocchi lo grazia dal rosso, ma ci sarebbe tutto;

26′ – pioggia di gialli su Roma: anche Luiz Felipe nella lista dei cattivi per fallo da dietro su Cancelo. Il brasiliano non prende minimamente la palla;

29′ – una carambola assurda regala il pareggio all’Inter: sugli sviluppi di un corner D’Ambrosio insacca la palla in rete. Durante l’azione, Strakosha subisce un calcio in faccia, ma la rete viene comunque convalidata. Decisione dubbia;

34′ – le squadre non accennano a mollare un centimetro, la tensione si fa sempre più incalzante. Lulic ferma Cancelo che cerca la ripartenza, Rocchi non ci pensa due volte ed estrae il cartellino. Esagerato;

37′ – Lucas Leiva non manca all’appello degli ammoniti: ruba palla a Rafinha mettendoci il fisico;

41′ – la Lazio torna in vantaggio col contropiede letale di Felipe Anderson: nessuno ferma il brasiliano servito magistralmente da Lulic. Rocchi non può che convalidare la rete;

SECONDO TEMPO

47′ – il secondo tempo si apre come si è chiuso il primo: con un giallo. Stavolta, ai danni di D’Ambrosio: il difensore entra in modo scomposto su Felipe Anderson che cerca l’incursione. Giusto per la condotta generale della serata;

62′ – Strakosha temporeggia nel battere la rimessa dal fondo, ma Rocchi non perdona niente: ammonito il numero uno biancoceleste;

70′ – l’Inter batte un corner, nella concitazione dell’azione, la sfera trova la spalla di Milinkovic. I nerazzurri chiedono il rigore, Rocchi invece l’uso del VAR: la tecnologia fa riprendere il gioco senza assegnare il penalty;

77′ – de Vrij stende Icardi in area di rigore: è rigore;

79′ – arriva anche il rosso: Lulic lascia il campo per doppia ammonizione, fatale l’intervento su Brozovic;

92′ – Miranda, saltando, dà una gomitata a Leiva: per Rocchi tutto regolare, ma c’è fallo;

92′ – rosso anche per Inzaghi che viene allontanato per proteste

 

 

 

Articolo precedente
lazioLazio, dopo ventidue anni l’attacco biancoceleste è il migliore del campionato
Prossimo articolo
lazioLazio-Inter 2-3, pagelle e tabellino