Le pagelle di Bologna-Lazio: Lulic, che errore! Luis Alberto incanta

Giocata del match luis alberto
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio vince contro il Bologna con il risultato di 1-2: ecco i voti che hanno meritato i ragazzi di Inzaghi

Una Lazio bella ‘a metà’. Allo straordinario primo tempo – che si conclude con la doppietta biancoceleste – seguono 45′ minuti di sofferenza per il uomini di Inzaghi. L’autogol di Lulic concede spazio e fiducia alla formazione di Donadoni, che si propone in avanti e sfiora – in numerose occasioni – il gol del pareggio. Ecco i voti meritati dai giocatori laziali in questa partita:

STRAKOSHA 6,5 – Nella prima mezz’ora il portiere albanese non viene mai chiamato in causa, in particolar modo nei primi venti minuti del match, di vero dominio biancoceleste. Interviene con più frequenza nei secondi 45′ di gioco, non può nulla sull’autogol di Lulic. Usa fermezza e puntualità nell’arco di tempo in cui la Lazio soffre tremendamente il Bologna.

MARUSIC 6,5 – Buona prova nel primo tempo del montenegrino: fondamentale il suo affondo nell’azione che porta Massa a decretare il calcio di rigore in favore dei biancocelesti. Suo il bell’assist che Parolo non riesce a sfruttare nel migliore dei modi. Nel corso del secondo tempo mostra le sue lacune in fase difensiva, concedendo troppo spazio sulla fascia di competenza a Krejci (88′ Patric s.v)

BASTOS 6,5 – Una garanzia. L’angolano si conferma dopo le buone prestazioni nelle ultime gare: imposta l’azione e ferma la manovra emiliana. In alcune occasioni rischia di essere troppo lezioso. Ingenuo nel fallo che gli costa l’ammonizione.

DE VRIJ 6 – Primo tempo tranquillo per l’olandese: puntuale e preciso in ogni intervento. Soffre maggiormente la ripartenza del Bologna a partire dalla seconda frazione di gioco.

RADU 6,5 – La difesa biancoceleste in generale non viene chiamata in causa in numerose occasioni nella prima mezz’ora della partita. Nessuna sbavatura neanche per il trentunenne romeno. Dal 45′ viene messo sotto pressione dagli attaccanti emiliani – in grande spolvero rispetto al primo tempo – ma risponde bene e non concede molto.

LULIC 6 – Ottimo primo tempo del bosniaco, ‘coronato’ dal gol del 2 a 0 capitolino: il suo colpo di testa beffa Mirante. Per un curioso scherzo del destino – volendo passare la palla a Strakosha – va ad un passo dall’autogol. La votazione si abbassa a causa dell’erroraccio in occasione del vantaggio bolognese: ‘Senad’ parte in ritardo e consegna la palla nella porta biancoceleste. Prima di abbandonare il campo, si rende protagonista di un brutto episodio: dopo il cambio non le manda a dire a mister Inzaghi che – ovviamente – non apprezza. (dal 64′ Lukaku 6 – Messaggi positivi provengono dal belga, tornato in campo dopo il lungo infortunio).

PAROLO 7 – Un vero leader in campo. Corre, imposta la manovra e va vicino al gol. E’ tra coloro che si ‘salvano’ quando la squadra concede più spazio agli avversari, fin quando sbaglia clamorosamente ‘a tu per tu’ con Mirante.

LEIVA 6,5 – Non inizia nel migliore dei modi, ma cresce nel corso della prima mezz’ora. Fondamentale il cambio di gioco con il quale serve Lulic, che sigla il raddoppio degli uomini di Inzaghi.

MILINKOVIC 6,5 – Il serbo parte ‘col botto’. Dopo 3 minuti dall’inizio del match, sblocca il risultato e porta in vantaggio l’armata di Inzaghi. Nei primi minuti della seconda frazione di gioco, la Lazio si abbassa ed il ‘Sergente’ ne risente. Decisamente sottotono gli ultimi dieci minuti del match.

IMMOBILE 6 – Lotta come un leone ma la fortuna non lo assiste: il bomber di Torre Annunziata colpisce ben tre pali, uno dei quali dagli undici metri. Demoralizzato dalla mancata marcatura, si ‘arrende’ nel corso della seconda frazione di gioco.

LUIS ALBERTO 7,5 – Lo spagnolo conferma le buone prestazioni fatte vedere nelle ultime gare. In continua crescita, serve i compagni con precisione millimetrica. Al 60′ serve Lulic con una magica giocata dar far strabuzzare gli occhi ai presenti. (72′ Nani 7 – In miglioramento rispetto alle precedenti apparizioni, si rende protagonista di uno scatto in velocità all’84’, che mostra la buona condizione fisica di cui gode attualmente).