Sassuolo, De Zerbi: «Contro la Lazio non vogliamo sbagliare! Attenzione ad Immobile…»

de zerbi
© foto www.imagephotoagency.it

De Zerbi, allenatore del Sassuolo, ha presentato la gara contro la Lazio durante la canonica conferenza stampa della vigilia

La Lazio di Inzaghi sfiderà domani il Sassuolo sul campo dell’Olimpico. Mister De Zerbi – alla vigilia della gara – ha risposto alle domande dei cronisti, durante la canonica conferenza stampa: «Dobbiamo recuperare, a differenza della Lazio non siamo abituati giocare ogni tre giorni. Dobbiamo stare attenti alla formazione, sicuramente non ci sarà un turnover massiccio, ma non vogliamo sbagliare, perché non possiamo permetterci di perdere giocatori. Chi ha giocato 180′ forse non giocherà o forse sì, comunque cercheremo di mettere in campo la squadra migliore per fare punti. Sappiamo che la Lazio è una squadra forte, ma vogliamo fare punti anche a Roma».

 LAZIO – «La Lazio è una squadra fisica, noi dovremo cercare di offendere e di essere propositivi, mantenendo attenzione in fase difensiva. Voglio una prestazione attenta, dobbiamo prenderci quello che abbiamo perso in passato. Quando torniamo dalle trasferte ultimamente c’è sempre un po’ di delusione, è successo nel viaggio di ritorno da Milano e Bologna, ad esempio. Vorrei tornare con felicità domenica notte, perché se dovessimo perdere e quelle dietro vincere, torneremmo alla situazione prima del Chievo. Immobile può tirare fuori il gol dal nulla, è uno dei pochi italiani che può farlo, e inoltre ha forza e velocità».

BERARDI e SALVEZZA – «Ha fatto una stagione di sacrificio, deve e può essere determinante. Ha giocato due partite intere, forse domani giocherà o forse no, non lo so, perché non possiamo rischiare sopratuttto lui. Di sicuro 35 punti non bastano, dobbiamo farne ancora parecchi. Era prevedibile. Prima del Chievo sembravamo morti e dopo salvi. Ci vuole equilibrio. Siamo nella posizione che ci saremmo meritati da sempre, non so se noi siamo pronti per andare oltre la Fiorentina, dobbiamo però cercare di fare punti e insidiare chi sta davanti a no»”.